Vans Sk8 Hi History - Old Skool, slip on, autentica — 2021

Foto: per gentile concessione di Vans. Un'edizione speciale della Sk8-Hi Reissue, parte della collezione 50th Anniversary Gold di Vans. Nel marzo 1966, la Van Doren Rubber Company ha aperto i battenti ad Anaheim, in California. L'azienda a conduzione familiare (fondata dai fratelli Paul e James Van Doren), nota per le sue scarpe con la suola di gomma, alla fine divenne Furgoni . Come racconta la storia ben documentata, il marchio ha ottenuto per la prima volta un seguito nel mondo dello skate e del surf, guadagnando in seguito popolarità nelle orbite della musica, della moda e dell'arte nel corso di mezzo secolo. È un compleanno piuttosto importante e il marchio brinda al suo grande 5-0 con un comprensibilmente big bang: campagne di influencer, feste che si svolgono contemporaneamente in tutto il mondo, un storia animata serie che raccontano la traiettoria del marchio, capsule commemorative - loro sono facendo la cosa. E questa raffica di attività per il compleanno è incentrata su una singola scarpa: la Sk8-Hi . Sì, è uno degli stili più distintivi di Vans, ma lo sono anche Slip-On, Old Skool e Authentic. Perché concentrare tutta questa attenzione sullo stile high-top, così tanto che per l'occasione sono state create 50 nuove versioni della scarpa? Secondo Steve Van Doren, figlio di Paul Van Doren e attuale vicepresidente degli eventi e delle promozioni di Vans (dove ha lavorato praticamente per tutta la vita), è più su ciò che la Sk8-Hi rappresenta nella storia dell'azienda. 'Si lega a tutti i nostri principi: arte, musica, pattinaggio e cultura di strada', afferma.Annuncio pubblicitario Foto: per gentile concessione di Vans. Cinquanta nuove Sk8-His rilasciate in onore del 50 ° anniversario di Vans. Le Sk8-Hi arrivarono ufficialmente nel 1976 e furono chiamate per la prima volta 'Style 38', poiché Vans era solita numerare le sue scarpe invece di chiamarle correttamente. (Il suo soprannome moderno è stato introdotto nel 1995.) Ma la storia di questo particolare stile inizia in realtà con la Old Skool, 'Style 36', ed è profondamente radicata nella storia dell'azienda con lo skateboard. Gli skater adoravano già le sneakers Vans per le suole in gomma, ma queste non erano espressamente progettate per lo sport. Nel 1977, le cose cambiarono con lo Style 36, che presentava una nuova costruzione in pelle e tela che si prestava davvero all'usura. Questo è uscito più o meno nello stesso periodo delle Era, la prima scarpa da skate designata da Vans. Sebbene queste versioni siano state un grosso problema, le esperienze degli skateboarder con le scarpe hanno portato il marchio a rendersi conto che mancava un elemento importante: la protezione della caviglia. Vans ha già realizzato protezioni per caviglie separate che potevano essere fissate con velcro intorno alle caviglie, ricorda Van Doren, ma c'era anche bisogno di scarpe che garantissero questa protezione. Quindi il marchio ha rilasciato il suo mid-top chiamato Style 37, ma non è stato sufficiente. 'È qui che entra in gioco la Sk8-Hi', spiega Van Doren. '(Ai pattinatori) è piaciuta l'imbottitura nelle protezioni della caviglia (vendute separatamente), quindi abbiamo preso quel materiale e abbiamo progettato un top con imbottitura.' Per Style 38, Vans ha mantenuto le due caratteristiche dell'Old Skool che gli skater adoravano: la suola waffle tipica del marchio e la sua costruzione in tela-pelle. Lo Style 38 originale era disponibile in pelle blu navy con tela azzurra, pelle ruggine color cannella su tela ruggine e pelle marrone su tela beige. Ma la personalizzazione era enorme per Vans nei suoi primi giorni: le scarpe venivano persino vendute singolarmente anziché in coppia, quindi era possibile mescolare e abbinare i colori. Ciò è stato particolarmente utile per gli skater, poiché tendono a consumare una scarpa prima dell'altra. Sin dalla nascita del marchio a metà degli anni '60, i clienti potevano portare una stampa o un tessuto nel magazzino Vans e trasformarli in una scarpa. Altri hanno adottato un approccio più fai-da-te, sfruttando la tela bianca aggiuntiva sui pannelli laterali della Sk8-Hi per scarabocchiare liberamente. 'C'è così tanto spazio su una Sk8-Hi che puoi avere una bella storia stampata; c'è un'opportunità (di design) che non si ottiene con uno slip-on, a causa di quanti pannelli ci sono (sulla Sk8-Hi) ', spiega Dabney Lee, senior director del merchandising per le calzature classiche di Vans.Annuncio pubblicitario

Dono del giorno

Alexandra consiglia:Collana Miele Mejuri$ 65,00Acquistare Foto: per gentile concessione di Vans. Steve Caballero pattinava con la sua Sk8-His, 1982. Nel frattempo, marchi come Converse, Adidas e Nike emersero armati di scarpe da ginnastica atletiche e loghi distintivi, entrambi i quali Vans non aveva ancora presentato ufficialmente. Quando è arrivato il momento di progettare una scarpa che fosse resistente, dall'aspetto più sportivo e adatta in modo specifico al pubblico dello skate, il fondatore di Vans ha pensato anche al marchio. 'Sapevamo che Adidas aveva le strisce e sapevamo che Nike aveva lo swoosh', spiega Van Doren. 'Mio padre stava scarabocchiando e ha inventato quello che chiamiamo striscia jazz . ' (Questo taglio di colore, avvenuto a metà degli anni '70, ora adorna i pannelli laterali di ogni Sk8-Hi e Old Skool.) Lo portò a George Greenwood, modellista di Vans, per incorporarlo nella scarpa che avrebbe diventa lo Sk8-Hi. In quel periodo, Vans iniziò anche a mettere sulle sue scarpe un logo con lo skateboard ormai firma con la frase 'Off The Wall', ispirato a skater come Tony Alva e disegnato da Mark Van Doren (cugino di Steve). Tuttavia, dal punto di vista del design, la striscia jazz è ciò che rende la Sk8-Hi distintiva dalle altre high-top. 'È un po 'come il nostro iconico moniker', dice Lee. 'Quando sei in giro per strada, puoi guardare i piedi di qualcuno e questa è l'unica cosa che sai: sono un paio di Vans'. Nel corso dei decenni, la costruzione dello Sk8-Hi non è cambiata molto. Vans ha introdotto diverse iterazioni dello stile - una versione slim, diciamo, o una versione per tutte le stagioni - ma non si confonde molto con l'originale. 'Siamo molto protettivi nei confronti dei nostri classici', dice Lee. 'Non li tocchiamo.' Tuttavia, ci sono stati un paio di modifiche strutturali dal 1976, anche se cambiamenti che il cliente medio probabilmente non noterebbe. Alla fine degli anni '80, ad esempio, Vans ha allargato la fila degli occhi (il pannello che va dalla parte superiore del colletto alla punta che fissa i lacci) alla base, perché gli skateboarder volevano più copertura e durata in quel punto specifico, dice Lee . (Nella ristampa, le scarpe presentavano l'originale fila di occhielli stretti.) Sul primissimo Sk8-Hi, i fori sulla punta per la ventilazione erano più grandi e ravvicinati, il che li faceva rompere più facilmente. Vans ha cambiato il modello di perforazione di conseguenza, e ora, è così che identifica un'iterazione più vecchia, se lo sei veramente

un fanatico di Vans.Annuncio pubblicitario Foto: per gentile concessione di Vans. Una Sk8-Hi vintage. E la Sk8-Hi è stata un successo sin dal suo inizio, al punto che la domanda ha superato l'offerta: 'Abbiamo frenato la nostra produzione ai vecchi tempi perché non riuscivamo a far apprendere alle cucitrici abbastanza velocemente', dice Van Doren. Vans ha prodotto tutte le sue scarpe in America fino al 1995, quando ha spostato la produzione in Cina. Rispetto agli stili Authentic o slip-on, lo Sk8-Hi richiedeva molto più tempo, grazie alle cuciture aggiuntive, alla varietà di materiali, all'imbottitura e alla piegatura coinvolti nella realizzazione dello stile. L'influenza di Vans si è sicuramente sentita ben oltre lo skate park. Il brand ha trovato un seguito nella scena musicale anche negli anni '80, grazie all'intersezione tra cultura skate e punk. 'Anche molti grandi musicisti hanno fatto skateboard', dice Van Doren. Quando agli artisti piace Steve Caballero di La fazione (anche un membro del Brigata delle ossa ) e Henry Rollins sono stati fotografati per le riviste che indossavano le loro scarpe Sk8-Hi, ha ampliato la portata del marchio. Attribuisce all'industria musicale anche il merito di aver aiutato la Sk8-Hi a crescere negli anni '90: ecco quando il Giro deformato iniziato (nel 1995), che ha diffuso il nome Vans al di fuori della California.Foto: per gentile concessione di Vans. Henry Rollins si esibisce nella sua Sk8-His, 1981. Le scarpe sono spuntate sul grande schermo grazie agli sforzi di regia del membro originale del team di skate Vans Peralta (e, in particolare, i film Dog Town e Z-Boys

e Brigata delle ossa ). Vans ha avuto una grande spinta nel 1982 grazie ai calci di Sean Penn Tempi veloci alla Ridgemont High

. 'È entrato nel negozio di Santa Monica e li ha comprati lui stesso', dice Van Doren della coppia di scacchi che il personaggio di Penn, Jeff Spicoli, ha reso famoso. (Lo studio ha chiamato chiedendo più coppie il giorno successivo, ricorda.)Annuncio pubblicitarioAlcune di queste silhouette distintive, in particolare le slip-on, hanno ricevuto un impulso anche dal mondo della moda, dopo che i designer hanno inventato le proprie interpretazioni. Phoebe Philo, ad esempio, non l'ha presa solo fiocco di fine spettacolo in scarpe da ginnastica , è stata anche presentata Slip-on di Celine-ified con cartellini del prezzo a tre cifre. A parte il lusinghiero effetto alone delle slip-on simili a Vans che spuntano sulle passerelle, Vans non è interessata ad abbandonare le sue radici (e il suo pubblico originale di skater) per corteggiare il set della moda. C'è un team dedicato a innovare gli aspetti tecnici delle scarpe da skate sotto il marchio Etichetta Pro-Skate . Inoltre possiede ancora skate park e ne sponsorizza uno squadra di skate , sostenendo gli skateboarder in diversi momenti della loro carriera.Foto: Vanni Bassetti / Getty Images. Gilda Ambrosio indossa Vans Sk8-His alla Milano Fashion Week 2016. Negli ultimi cinque anni, Vans ha investito molto nella ricerca sui consumatori, spiega Lee. Un aspetto importante: il marchio ha apparentemente un'enorme base di fan femminili, 'ma stavamo costruendo un sacco di scarpe per gli uomini', dice. Dal 2003, sono stati aggiunti numerosi stili Sk8-Hi all'inventario progettati per un cliente più orientato alla moda e, forse, femminile: c'è il Cerniera lampo (un'aggiunta del 2003 alla linea Vault by Vans), il Sottile (2012, progettato specificamente per il piede di una donna) e il Un po (2014). C'è anche il Sk8-Hi MTE (introdotto anche nel 2014), una scarpa alta per tutte le stagioni con suola waffle rovesciata e uno strato extra di ritenzione del calore sul plantare. Hanno anche ripubblicato sagome e modelli più vecchi. Al giorno d'oggi, noterai la striscia laterale del marchio in una presentazione in stile street o in una diffusione editoriale. Vans ha anche collaborato con artisti del calibro di Kenzo, Eley Kishimoto e & Other Stories nel corso degli anni. La sua società madre, VF Corporation, ha anche spostato la sua strategia di concentrarsi sulla vendita al dettaglio e l'espansione della categoria. 'Molti stilisti di moda sono cresciuti indossando Vans', dice Lee, citando Humberto Leon, allevato nel sud della California, Carol Lim di Opening Ceremony e Kenzo. 'Quando sono alla ricerca di ispirazione, attingono a ciò che indossavano quando sono cresciuti.' Per il suo grande compleanno, la campagna Sk8-Hi del marchio ha un casting diversificato che include skater (leggende come Caballero e volti nuovi come Lizzie Armanto), musicisti e artisti e modelli, come Natalie Westling, che ha sfilato in Marc Jacobs e le sfilate dell'autunno 2016 di Louis Vuitton hanno lo slogan “Off the Wall” di Vans tatuato sull'avambraccio.Foto: per gentile concessione di Vans. Natalie Westling nell'ultima campagna Sk8-Hi di Vans, 2016. L'anniversario d'oro di Vans è opportunamente coinciso con il meme stimolato da Snapchat, 'Dannazione, Daniel'. Van Doren dice che la sua reazione iniziale alla sensazione virale è stata: 'Adoro questo ragazzo'. Quando gli è capitato di trovarsi nel quartiere di Daniel Lara poco dopo che l'adolescente è apparso Contro, ha colto l'occasione per passare dal negozio Vans che ha venduto a Lara i suoi calci degni di 'Daaaaaamn'. '(I dipendenti ...) erano super entusiasti', dice Van Doren. 'Non sono mai riuscito a vedere l'amico di Daniel (Josh), che era la voce (del video), però.' La popolarità del marchio va ben oltre un meme transitorio: Vans è uno dei marchi di sneaker più apprezzati su Instagram, secondo Complesso . Se gli ultimi 50 anni mostrano qualcosa, è che l'influenza di Vans probabilmente non diminuirà presto, e l'evoluzione della Sk8-Hi è la prova di un'azienda che segue la sua storia pur modificando i suoi progetti e raccogliendo nuove basi di clienti lungo la strada . Un plug video follemente virale? Questa è solo la ciliegina su questa torta di compleanno.