Immagini del pene - Foto del pene degli uomini reali — 2021

Il pene trasporta molti bagagli. Nella cultura pop, è spesso descritto come comico (quante commedie sono alimentate da gag sulla nudità maschile?). Forse sta causando dolore al suo proprietario in qualche modo - non riuscendo ad esibirsi sessualmente, per esempio - ed è uno spettacolo per gli spettatori da ridicolizzare. O quello, o è mostrato come minaccioso, come in alcuni porno: un simbolo disincarnato di aggressività con una mente propria (considera il termine 'pensare con il suo cazzo'). Raramente viene presentato solo come un'altra parte del corpo - a volte sessuale, sì, ma anche funzionale in altri modi, e il più delle volte solo Là, una delle tante parti di un corpo che appartiene a una persona con una mente che non è, di fatto, controllata dai genitali. Ed è ora che lo guardiamo in questo modo. Al di fuori del porno, o forse dei musei d'arte, abbiamo poche opportunità di assistere ai peni in questo modo se non ne abbiamo uno o se abbiamo un partner - per lo meno un partner di sexting - che lo fa. La scarsità di rappresentazioni esplicite dei genitali maschili nei media tradizionali ha portato a una frenesia di Internet quando Game of Thrones

L'ultimo episodio presentava un primo piano di un pene, tenuto dal suo proprietario mentre lo ispezionava per le verruche. Le reazioni al nuovo membro del cast sono state contrastanti. Game of Thrones la star Emilia Clarke era felicissima, che appare su Il Late Show

per sostenere l ''uguaglianza spazzatura'. Altri sono rimasti delusi dal fatto che il colpo al pene fosse così aggressivamente non sexy, in particolare in contrasto con la nudità femminile frequente e sessualizzata su Game of Thrones.

Un commentatore di Twitter ha affermato che `` un primo piano di un pene flaccido esaminato per le verruche genitali non è 'nudità di pari opportunità' '.
L'argomento offre uno studio interessante sul nostro rapporto con la nudità, in particolare la nudità maschile. 'Dato il bagaglio simbolico che portano queste parti del corpo, è difficile e penso che valga la pena cercare di avere una conversazione sulle relazioni più personali che le persone hanno con i loro corpi', Lisa Wade , PhD, professore associato di sociologia all'Occidental College, dice a Janedarin. 'Il simbolismo delle nostre parti sessuali del corpo è così fortemente di genere. Non è la stessa in tutte le società, ma nella società americana contemporanea, l'idea che le parti del corpo sessuale delle donne siano desiderabili, forse belle, e forse fragili e vulnerabili, è un modo molto comune di pensarle '. Ma i peni, continua, sono rappresentati come 'strumenti di potere' e 'simboli di virilità e forza' - e le persone che li hanno si chiedono se sono all'altezza. 'Sono costantemente in una posizione di meraviglia, Sarò io, rappresentato da questa parte del corpo, all'altezza di queste aspettative? 'Dice il dottor Wade. '(I peni possono) diventare non strumenti di potere, ma strumenti di umiliazione.' Un rispetto per i rapporti personali degli individui con i loro peni guidati Geoffrey Berliner quando ha scattato i 14 ritratti seguenti del pene, accompagnati qui dai pensieri dei soggetti sui loro genitali. Berliner - il direttore esecutivo di Fondazione Penumbra , un'organizzazione no profit dedita all'educazione, alla ricerca e alla divulgazione fotografica, ha sviluppato questi ritratti come tintypes attraverso il Penumbra Tintype Studio , versando a mano sostanze chimiche su sottili lastre di metallo per creare immagini positive dirette dei peni. È una tecnica che era popolare durante la guerra civile, e ben lontana dalle foto di cazzi dell'iPhone a cui alcuni di noi potrebbero essere abituati. 'Non mi sono avvicinato a questo in nessun altro modo se non nel fare ritratti', dice Berliner. 'Ognuno dei soggetti che ho incontrato, mi sono seduto, ho parlato con ogni uomo, li ho conosciuti un po' e poi ho lavorato su come interagivano con il loro pene. Ogni persona aveva un atteggiamento particolare verso il proprio pene, lo muoveva in un certo modo, lo manteneva in un certo modo. ' 'Potrei dire che sono ritratti di peni, ma un pene è sempre attaccato a una persona', continua. 'È davvero il ritratto di una persona ritagliato. Non li vedo solo come immagini di peni. ' Il dottor Wade afferma che le raffigurazioni di genitali che non rientrano nelle narrazioni di potere e umiliazione potrebbero aiutare le persone di tutte le identità di genere a sviluppare relazioni migliori con i loro corpi. 'Una rappresentazione più diversificata di qualsiasi cosa è quasi sempre migliore', afferma. 'Quando ci lamentiamo delle immagini dei media, la risposta è che abbiamo bisogno di immagini più diverse, non meno dei media'. E mentre alcuni sostengono che l'anatomia sessuale non dovrebbe essere mostrata in nessun contesto pubblico, la realtà è che lo è già - nel porno. 'C'è pornografia ovunque', dice Berliner. `` C'è un tempo per essere sessuale, ma non c'è motivo per cui devi guardare una persona solo per il suo pene, o guardare una donna a causa del suo seno. Mostrare i peni per come erano, in senso artistico, (e) collegati a una persona è un modo per normalizzare il modo in cui guardiamo il corpo umano. ' 'L'unica ragione per cui riesco a pensare di voler ridurre al minimo le rappresentazioni di parti del corpo sessuali è la convinzione che siano parti del corpo intrinsecamente problematiche: pericolose, disgustose, immorali o vergognose', aggiunge il dottor Wade. 'L'unico motivo per farlo sarebbe dire, Bene, a differenza del gomito, queste parti del corpo sono X. Forse abbiamo bisogno in particolare di una rappresentazione (più diversificata) perché queste parti del corpo sono così fortemente simboliche ”. Fai clic per visualizzare 14 ritratti di peni, insieme ad alcuni pensieri delle persone a cui sono attaccati. Questa storia è stata resa possibile in parte da LELO HEX, una nuova generazione di preservativi in ​​arrivo nell'estate 2016. Clicca per Sito web di LELO per saperne di più su questo progresso nella tecnologia dei preservativi.

Ideazione creativa e reportistica di Kelly Bourdet.