Me Before You Louisa Clark Maze Rape In Book Not Movie — 2021

Molto spesso, gli adattamenti cinematografici di libri popolari escludono punti o personaggi della trama amati, con grande dispiacere dei fan devoti. Ma la versione cinematografica del best-seller di Jojo Moyes, Io prima di te , per fortuna lo fa in un modo che migliora la storia. Il film, interpretato da Emilia Clarke e Sam Claflin e che si apre venerdì 3 giugno, omette una preoccupante sottotrama: uno stupro che sembra fuori luogo in un libro già oscuro. Tenerlo per lo schermo avrebbe comportato un altro ingresso indesiderato nel già pieno cannone di film che includono casi estranei di violenza sessuale contro le donne. Io prima di te

racconta la storia di Louisa Clark, un inglese di una piccola città che, dopo aver lottato per trovare un lavoro, viene assunto come custode di Will Traynor, un uomo tetraplegico. Will è infelice e sfoga la sua infelicità sulla ragazza ignara assunta per prendersi cura di lui. Louisa, d'altra parte, rimane un fulmine di energia; i suoi vestiti stravaganti e la sua personalità frizzante offrono un ritmo diverso per Will. Come si può probabilmente vedere dal trailer, i due iniziano a sbattere la testa ma alla fine si innamorano, con le condizioni di Will che incombono sulla loro felicità. Una delle cose che Will si chiede di Louisa è perché non ha mai lasciato la loro pittoresca cittadina medievale inglese per vedere il mondo esterno o addirittura per frequentare il college. Come si scopre nel libro, Lou era diretta al college, ma la tragedia ha colpito poco prima che se ne andasse. Durante le feste da adolescente impressionabile, Louisa si è ubriacata ed è stata attirata in un labirinto di siepi locale da un gruppo di uomini anziani che giocavano a calcio. È implicito, attraverso il racconto della storia di Louisa, che sia stata violentata di gruppo, dopo di che ha deciso di abbandonare i suoi piani per il college e rimanere a casa dove si sentiva al sicuro.Annuncio pubblicitario Quell'orribile incidente è in realtà il motivo per cui Louisa si veste come fa, con abiti bizzarri e retrò che sembrano provenire direttamente da Panno Mod o Signorina L Fire . Come si descrive prima dell'incidente, si è vestita in modo molto più suggestivo con tacchi a punta, jeans attillati e top rivelatori. Ma dopo lo stupro, dice Lou, voleva rendersi il più 'poco attraente' possibile per gli uomini, vestendosi con abiti stravaganti e acconciarsi in un modo che pensava avrebbero odiato. Nel libro, Louisa alla fine racconta il suo trauma a Will è uno dei motivi per cui smette di essere così irriverente con lei. È anche implicito che, a seguito dello stupro, Louisa abbia problemi di intimità fisica, motivo per cui non la turba il fatto che il suo rapporto con Will potrebbe non includere molta attività sessuale. Sebbene questa sottotrama fornisca al libro queste particolari sfumature, la sua inclusione non è solo piuttosto scioccante, persino più oscura del tentato suicidio di Will o del suo eventuale piano per porre fine alla sua vita, ma totalmente inutile. La sfumatura aggiunta non compensa il fatto che non abbiamo bisogno di un'altra storia in cui la protagonista femminile subisce un'aggressione sessuale per far avanzare la trama. Per fortuna, l'intera sottotrama dello stupro non è inclusa nel film. Così com'è nel film, il motivo per cui Louisa non va mai al college è lasciato aperto, la domanda di Will goffamente senza risposta. Ma quell'imbarazzo è molto più preferibile all'inclusione di un altro esempio di abuso sessuale sullo schermo. Louisa è una ragazza che indossa abiti insoliti e non ama molto il sesso, e il fatto che sia semplicemente il modo in cui è il suo personaggio - piuttosto che il risultato di un brutale assalto - va benissimo. Il personaggio non ha bisogno di aver subito un trauma sessuale come una 'scusa' per la sua personalità o il modo in cui si veste. C'è troppa violenza inutile contro le donne in televisione e nei film così com'è, ed è particolarmente eclatante quando una storia di trauma viene usata come mezzo per far sentire male un uomo e innamorarsi di una donna o per spiegare le sue stranezze di personalità. Moyes ha adattato il suo libro per lo schermo, quindi è stata lei a decidere alla fine di lasciare lo stupro fuori dalla sceneggiatura. Era la scelta giusta. Quest'estate festeggeremo la più grande stagione cinematografica dell'anno con una nuova serie chiamata Blockbust-HER . Guarderemo tutto ciò che riguarda il cinema dal punto di vista femminile, intervisteremo i principali attori del settore e discuteremo

dove Hollywood sta facendo bene con le donne e dove (troppo spesso) le sta fallendo. E ora ... andiamo al cinema!