Katherine Langford Show Cursed Riassunto completo della stagione 1 — 2021

Foto: per gentile concessione di Netflix. Con la sua nuova serie Maledetto, riguardo la Signora del Lago, Katherine Langford è tornata su Netflix, ma questa volta ne sta affrontando un po ' molto

diverse battaglie che non avrebbero mai visto la luce al Liberty High. Maledetto esplora la leggenda arturiana della Signora del Lago con una svolta. Tradizionalmente, Merlino usa la magia per sigillare una spada nella roccia e Arthur dimostra il suo valore estraendola. La spada viene infine danneggiata in una battaglia con Lancillotto, ma la Signora del Lago riporta la spada al suo antico splendore, aprendo la strada ad Artù per diventare re.Annuncio pubblicitarioKing Arthur non è l'obiettivo di Maledetto

, però. Langford interpreta Nimue, una Fey (o fata) destinata a diventare la Signora del Lago. Tuttavia, quando la incontriamo, è vista come un'emarginata sia dai suoi coetanei che dagli anziani grazie a un incidente che ha vissuto da bambina. Dopo la morte di sua madre, incontra Arthur (Devon Terrell), un partner inaspettato mentre cerca di consegnare una potente spada a Merlino (Gustaf Skarsgård). Durante il suo viaggio Nimue deve affrontare i Paladini Rossi, un gruppo che cerca di liberare il mondo dalla magia, mentre cerca di capire il proprio destino, proteggendo se stessa e altri emarginati come lei. 'Sta raccontando la storia di una vera eroina che è capace e forte e non solo altera una storia perché è una donna', ha detto Langford a Janedarin prima di Maledetto Il rilascio. '(È) qualcosa che avrei voluto coltivare.' Pronto per alcune magie, fate e mistiche battaglie con la spada? Immergiamoci.

Episodio 1, 'Nimue'

Foto: per gentile concessione di Netflix. Incontriamo Nimue mentre cavalca il suo cavallo lungo un'idilliaca collina erbosa, ma qualcosa è in corso: il vento ulula e gli uccelli volano a spirale. Si dirige verso una specie di mercato all'aperto, dove un ragazzino di nome Squirrel (Billy Jenkins) sta camminando dove la gente raccoglie le verdure ... e Squirrel sta raccogliendo di nascosto le tasche di tutti. Mentre chiacchierano, una donna passa e chiama Nimue una strega, disgustata. Nimue accetta l'osservazione con calma, ma ha dimenticato un'offerta prima di dirigersi al rogo. Mentre assembla il suo bouquet di fiori selvatici, vediamo quanto sia magica e sinistra la terra. Un fiore quasi da cartone animato fluttua nell'aria mentre una mosca color zaffiro ronza, dando vita alle vibrazioni dei film Disney (o molto

strano sogno), ma poi il vento inizia a ululare di nuovo, sussurrando: 'Salvali' ancora e ancora. Incontriamo il nostro primo animale parlante come un cervo con una voce roca che si avvicina a Nimue per consegnare un messaggio: “La morte non è la fine, regina Fey. Salvali.' Poi, all'improvviso, qualcuno spara al cervo con una freccia (immagino che nessuno possa salvare il cervo).Annuncio pubblicitario'Che cosa hai fatto?!' Chiede Nimue, sbalordito, mentre alcuni uomini si avvicinano per ritirare la loro cena. Si avvertono a vicenda di non avvicinarsi troppo a 'questa strega' o 'prenderanno i vermi' (cosa pensano esattamente queste persone che fanno le streghe?). 'Anche suo padre l'ha lasciata', osserva uno, scatenando un flashback di una giovane Nimue che implora suo padre di tornare. 'Sei maledetta, Nimue', vediamo una Nimue leggermente più anziana raccontata in un flashback mentre gli uomini la disturbano. Nimue grida a Benue di uscire dalla sua foresta mentre l'arco nella sua mano si trasforma in un serpente, stringendo la presa attorno al suo braccio. Le vene verdi iniziano ad apparire ai lati del viso e del collo di Nimue fino a quando lei finalmente lo lascia andare. Durante un flashback abbiamo un'idea del motivo per cui suo padre se n'è andato. 'Porta un'oscurità, una maledizione', dice. La madre di Nimue, Lenore (Catherine Walker), arriva e finalmente la scatta fuori. Nimue lo lascia andare, ma ovviamente non senza un rimprovero da parte della cara mamma.
Nimue è comprensibilmente sconvolto per l'intero incontro. Sua madre le dice di non vergognarsi, ma Nimue sottolinea una grande differenza: lei è quella chiamata 'demone' e 'strega'. 'Sei la sacerdotessa ora o mia madre?' Nimue scatta.
È l'ora della cerimonia e tutto sembra stranamente fuori Mezza estate , solo leggermente più lunatico. Le vesti degli Anziani sono scure, il cielo è grigio e nuvoloso mentre le persone circondano un grande fuoco, torce spente in mano. Nimue fa riluttante la sua offerta. 'Come Sky Folk, siamo nati all'alba per passare al crepuscolo', dice la madre di Nimue, a braccia tese. È sera prima che ce ne accorgiamo e le fiamme danzano e scintillano, pronte a scegliere un nuovo Evocatore. 'Gli Nascosti sono con noi', osserva la madre di Nimue. (Chi sono questi Nascosti?) Sciamano Nimue, con grande sgomento di tutti - è segnata da dei oscuri, gli altri si lamentano.
Annuncio pubblicitarioNimue dà tutta l'angoscia 13 motivi per cui energia mentre rifiuta di essere Evocatrice e se ne va. Sua madre non ce l'ha, però. La volontà degli Nascosti è chiara, spiega, e il potere è un dono. Dovrebbe essere usato per guidare e servire la 'gentile' di Nimue. Nimue marcia via, pronta a salire su una nave e partire. L'amica di Nimue Pym (Lily Newmark) la raggiunge, pronta a convincerla a smetterla. 'A chi importa cosa pensano quelle cipolle avvizzite?' lei chiede. (Una domanda giusta!) Nimue ha preso una decisione e non la sta cambiando. 'Oh mio Dio', dice Pym - un adattamento sottile ma brillante della frase per un universo arturiano - mentre insiste nel tacere.
Incontriamo padre Cardin (Peter Mullan), un evangelista e leader dei Paladini Rossi che vuole liberare il mondo dalla magia, e la sua veste rossa. Sta spiegando a un ragazzo che devono espellere le erbacce - i demoni - dal giardino di Dio, indipendentemente da quanto siano spaventose le erbacce. Il ragazzo, apparentemente un 'demone' ignaro, viene afferrato e portato via mentre padre Cardin si siede e vediamo come appare il suo mondo. C'è caos e distruzione su tutta la collina mentre le croci e gli incendi bruciano, la gente si precipita in giro a cavallo.
Nel frattempo, una Moon Wing è apparsa e racconta la sua storia alla madre di Nimue. Parla degli uomini vestiti di rosso che hanno bruciato gli alberi e ucciso le persone nel sonno con il fumo. Assomiglia esattamente al suo nome, pallida e quasi come se indossasse nuvole per vestiti e capelli. Un uomo con una veste incappucciata che sfoggia un serio guyliner (con le lacrime, ovviamente!) Si allontana dalle fiamme mentre l'Ala della Luna racconta la sua storia: il Monaco piangente (Daniel Sharman), un crociato che dà la caccia al Fey per i Paladini Rossi. I Paladini Rossi si stanno muovendo verso nord e sono sul loro cammino.
Annuncio pubblicitarioMerlino (Gustaf Skarsgård) è lontano da qualsiasi mago che hai immaginato nella tua mente. Non ci sono barba bianca e vesti viola fluenti qui - invece, incontriamo Merlino mentre tiene il broncio in un angolo di una taverna, il cappuccio tirato sul viso in modo da non poter vedere i suoi occhi ... perché sta dormendo. Tuttavia, si scopre che è uno stratagemma, mentre afferra Uncino, che sta cercando di perquisire le sue vesti, e gli tiene un coltello all'occhio. Minaccia di trasformarli in ratti talpa ma in realtà non si impegna. Merlino ha perso la sua magia?
Al castello, il re Uther Pendragon (Sebastian Armesto) sta ricevendo notizie spiacevoli mentre Merlino viene portato dentro, a torso nudo e apparentemente ubriaco. Si scopre che la maggior parte della colpa è il re per la siccità (oltre alla stregoneria dei Fey). Merlino, nel frattempo, aveva promesso loro la pioggia, ma sostiene che il tempo è troppo volubile. Il re sta affrontando problemi e Merlino potrebbe avere la risposta che nessuno vuole. I Signori delle Ombre potrebbero rallentare la marcia di Carden, ma non è pioggia, quindi non è abbastanza buono.
Nimue e Pym stanno cavalcando il cavallo di Nimue mentre discutono della missione. Gawain (Matt Stokoe) ha preso la Brass Shield, l'unica nave che attraversa il mare verso i regni del deserto, ma Nimue vuole salire su di essa. Si taglierà i capelli in modo che nessuno sappia che è una ragazza e ha 20 monete d'argento - ce l'ha, gente. Tuttavia, arrivano al molo e la nave non c'è e non tornerà per sei mesi. Nimue e Pym si fanno strada attraverso il villaggio verso un uomo che sta cantando per una piccola folla. Individua Nimue e le fa una serenata. Nimue si allontana così lui la insegue, trasformando il suo flirt e scambiandosi i nomi in modo che non siano estranei - signore e signori, incontrate Arthur. Il trio afferra da bere mentre scopre l'uno dell'altro. Arthur può essere giovane e trasandato (e, a quanto pare, ha una storia di ladri), ma si scopre che è un cavaliere. Un uomo interrompe per fare una scommessa sui dadi: se vince, riceve un bacio. Se Nimue vince, ottiene 10 argento. Arthur avverte Nimue che i dadi sono appesantiti ma lei continua comunque, sapendo che può usare i suoi poteri. Nimue e Pym cercano di scappare velocemente una volta che il suo segreto viene rivelato, ma molti dei Paladini Rossi li inseguono tra la folla.
Annuncio pubblicitarioMerlino, nel frattempo, sta parlando a un negoziante e sta cercando un misterioso oggetto numero tre. Il guardiano apre un cassetto e tira indietro un panno per rivelare un bambino con tre facce sulla testa. Non sembra che stia andando bene.
Arthur trova Nimue e Pym che si nascondono dai Paladini Rossi nel bosco e offre loro buona compagnia e vino terribile. Al suo posto, Arthur sta insegnando a Nimue a combattere, il che ovviamente significa molto contatto ravvicinato e un quasi bacio vicino al fuoco ... finché Nimue non lo prende alla sprovvista e gli dà una testata. (È sicuramente qualcuno che vorresti dalla tua parte in una rissa in una taverna.)
Merlino sta sfogliando un libro di magia, dove vediamo alcune immagini familiari, tra cui il bambino Numero Tre e una spada.
Nimue e Pym lasciano Arthur indietro mentre discutono del quasi bacio. Si scopre che Nimue ha avuto una visione, ma non si muoverà. Vengono interrotti da un cavallo che galoppa davanti a loro, con la sella in fiamme. Cavalcano nella direzione da cui è venuto il cavallo solo per vedere una battaglia caotica e infuocata con i Paladini Rossi, dove viene portato Pym. Nimue si nasconde in disparte finché non individua Scoiattolo e lo tira fuori dal combattimento. Mentre fugge, Nimue viene catturato da uno degli uomini in abiti rossi e viene trascinato per i suoi capelli a Carden. Mentre Carden ordina all'uomo di gettare Nimue nel fuoco, tutti quelli che indossano una veste rossa vengono colpiti da una freccia, permettendo a Nimue di scappare per un pelo.
Annuncio pubblicitarioNimue trova sua madre sdraiata a terra, insanguinata, una spada al suo fianco. Dà a Nimue una missione: portare la spada a Merlino. La madre di Nimue si sacrifica a uno dei Paladini Rossi in modo che Nimue possa scappare.
Da Merlin, le cose sono completamente casuali. Finalmente piove, ma non senza una dose di pericolo. Merlino è in piedi su una sporgenza mentre un cavaliere terrorizzato si trova dietro di lui. Le nuvole e la pioggia diventano rosse: gli dei, sembra?
Il re e il suo popolo, nel frattempo, festeggiano la fine della siccità con un pasto abbondante e un boccale di pioggia. Mentre beve un sorso, però, qualcosa è terribilmente sbagliato: la pioggia che è caduta sul castello sembra essere sangue.
Mentre Nimue si ritrova intrappolata su una roccia, circondata da lupi arrabbiati (e onestamente, un po 'dall'aspetto animatronico), Merlino viene colpito dall'elettricità e prende fuoco. Nimue estrae la spada e uccide i lupi. Se c'è una cosa che sappiamo, è che ha questa cosa da combattimento con la spada giù .
Domande scottanti: Chi sono gli Hidden e perché hanno scelto Nimue come Summoner? Perché la nave è partita presto? Cosa ha fatto Merlino con il numero tre per farlo 'piovere'?

Episodio 2, 'Maledetto'



Foto: per gentile concessione di Netflix. Una giovane Nimue si sveglia mentre entrambi i suoi genitori dormono profondamente su entrambi i lati di lei nel letto. Nimue e Pym iniziano una partita mattutina a nascondino, Pym si nasconde nell'ombra mentre Nimue si fa strada attraverso la foresta e lungo un sentiero oscuro. Nel frattempo, l'adulta Nimue si sta facendo strada attraverso la foresta alla ricerca di Scoiattolo, che si sta nascondendo dai Paladini Rossi, ma uno di loro vede per primo Nimue.
Annuncio pubblicitarioIndietro nel tempo, la giovane Nimue si fa strada in una grotta e inciampa su una roccia a terra. La voce di Pym si scusa, un infantile 'scusa', ma la voce poi si distorce, diventando più profonda e demoniaca, simile al cervo dell'ultimo episodio. 'Ero così affamato', dice. Un grosso orso con gli occhi rossi si avvicina a Nimue da dietro, ringhiando e scalpitando: è uno degli dei oscuri. Sua madre sente che qualcosa non va e ordina a Nimue da lontano di chiamare l'Occulto con i suoi pensieri per aiutarla. Nimue adulta si ritrova in uno scenario simile mentre lotta con il paladino rosso. L'orso crolla in uno schifo disgustoso mentre l'adulta Nimue si sveglia a terra, insanguinata con la spada al suo fianco.
Il re sta bussando alla porta di Merlino, ordinandogli di rispondere. È furioso per la pioggia di sangue, sostenendo che li fa sembrare cattivi, ma un Merlino ubriaco vuole solo un po 'più di tempo per studiare i presagi.
Carden sta camminando attraverso i boschi con il Monaco piangente, esaminando il cadavere polposo che Nimue ha lasciato. Sanno che la spada Fey è ancora là fuori e il Monaco piangente nota le tracce di Nimue. Un gruppo di Paladini prega sul terreno vicino mentre uno di loro è intrappolato in una ragnatela attorcigliata di radici di alberi simili a serpenti. Carden li rimprovera, indicando l'uomo intrappolato: è il nemico.
Mentre l'adulta Nimue pulisce la sua spada nell'acqua, vediamo flashback di sua madre che trasporta la giovane Nimue dalla grotta per ispezionare le sue ferite dall'orso. Lenore supplica Jonah, il padre di Nimue, di aiutarla. Anche se Nimue è sopravvissuta, gli altri pensano che il demone tornerà per loro.
Annuncio pubblicitarioScoiattolo corre fuori dai cespugli solo per trovarsi faccia a faccia con il monaco piangente, che vuole informazioni su quante persone sono sopravvissute. Scoiattolo sputa a Monk, chiamandolo feccia (una mossa molto audace data la loro differenza di dimensioni).
Nimue continua la sua ricerca di Scoiattolo ma ha problemi con uno dei paladini. Chiede a un uomo che guida una carrozza trainata da cavalli di darle un passaggio, sostenendo che ha un dente malato, ma il Paladino è sospettoso e gli chiede di tirare il dente davanti a loro. Entrambi obbediscono e lui tira fuori il dente di Nimue prima di procedere.
Scoiattolo, nel frattempo, sta viaggiando con il Monaco piangente, chiacchierando di cavalli proprio come farebbe qualsiasi bambino. Nimue arriva in città, dove il banditore avverte tutti della sua esistenza. Così tanto per una vacanza tranquilla.
In un altro flashback, Jonah sta restituendo un pre-adolescente Nimue, che ha cercato di scappare. Lenore è grata mentre Jonah è arrabbiato, sostenendo che Lenore la vizia. Nimue non si sente benvenuta da suo padre e da tutti coloro che la circondano, compresi gli altri bambini, a causa delle sue cicatrici.
Scoiattolo si sta sdraiando mentre un gruppo di uomini viene per il Monaco piangente. Vogliono sapere perché il monaco ha preso Scoiattolo, ma si scopre che Scoiattolo è solo l'esca: gli uomini erano i suoi veri bersagli. Li sconfigge rapidamente mentre Squirrel guarda, inorridito. Il Monaco scioglie Scoiattolo e gli ordina di dire all'altro Fey cosa è successo.
Nimue incontra Arthur in città e spiega che se ne sono andati tutti. Subito vengono avvicinati da curiosi, tra cui Bors, l'uomo da lei truffato nella taverna, che la riconoscono come la strega. Chiede a Nimue di dargli la sua spada mentre due uomini trattengono Arthur, ma Nimue ha altre idee. Taglia la mano dell'uomo e Arthur si libera. I due saltano su un cavallo e si allontanano, superando di poco i cancelli. Una volta che sono al sicuro, Arthur rimprovera Nimue per le sue azioni. Anche lui adesso è complice di questo, e ci sarà una taglia sulla sua testa. Nimue spiega che hanno ucciso sua madre, ma si incolpa per tutto quello che è successo. Arthur finalmente si ammorbidisce e cerca di scaldarla, inginocchiandosi accanto al fuoco.
Annuncio pubblicitarioIn un altro flashback, una Nimue leggermente più giovane e apparentemente più spensierata cammina attraverso la foresta in un vestito azzurro, tenendosi per mano con un giovane ragazzo biondo. Proprio quando lei pensa che stia per baciarla, lui dichiara: 'Strega!' e altri ragazzi escono dal nascondiglio, legandola a un albero. La parte posteriore del suo vestito scivola, rivelando il marchio degli dei oscuri. Uno dei ragazzi viene risucchiato dalle radici di un albero vicino mentre gli altri due implorano Nimue di lasciarla andare. Tagliano le radici e scappano. Più tardi, Nimue si siede vicino all'acqua mentre Lenore ricorda a sua figlia che è una guerriera e sopravviverà a qualsiasi cosa, anche a un bullo.
Arthur si meraviglia della spada di Nimue mentre si rifugiano in un'abbazia. Fende l'aria mentre la spada fa un tintinnio. Suggerisce a Nimue di venderlo, ma lei spiega il desiderio morente di sua madre di darlo a Merlino. 'Non puoi cambiare il suo destino, solo il tuo', dice Arthur a Nimue, ma lei giura di mantenere la promessa morente di sua madre.
Merlino arriva sulla scena della morte di Lenore. Lui chiude gli occhi, la prende in braccio e la posa sul piedistallo rialzato, recitando un incantesimo sul passaggio al crepuscolo. Sembra esserci una profonda connessione tra i due. Merlino sta quindi camminando lungo una strada, prendendo a calci le croci mentre una persona spettrale in abiti neri lo supera. Chiede se la vedova è venuta a prenderlo. 'Non ancora,' rispondono, una sfumatura demoniaca nella voce. Ha mentito sulla spada e gli Shadow Lords lo vedranno come il tradimento finale. Nessuno vuole che la Chiesa ottenga la spada, spiega la Vedova, perché poi controlleranno chi porta la corona. Si scopre che Merlino ha creato le parole che hanno impostato qualunque cosa in movimento - 'Chiunque brandisca la Spada del Potere sarà l'unico vero re' - ma non crede che ci sia un vero re; la spada è maledetta. La vedova chiede a Merlino di finire la guerra come Merlino, non la 'creatura pietosa' che è.
Annuncio pubblicitario'Non ho magia, è quello che mi ha tolto la spada', spiega Merlino.
'Un motivo in più per reclamarlo', risponde la Vedova.
Merlino si rifiuta di permettere che ciò accada, lasciando il mondo 'perso'. Chiede alla vedova dove sia la spada. Sente sia la paura che un grande potere intorno ad esso, mentre Arthur prende delicatamente la spada dalle braccia di un Nimue addormentato. Merlino ha un piano, tuttavia, per sciogliere la spada, indipendentemente da quanto possa essere difficile - e con l'aiuto della vedova.
Arthur sta camminando attraverso un corridoio con la spada sulla schiena, la sorella Igraine (Shalom Brune-Franklin) alle calcagna. È partito per esaudire un desiderio morente, le dice prima di andarsene con la spada - da solo.
Domande scottanti: Come si conoscevano Lenore e Merlin, e cosa c'entra Nimue? Chi è la sorella Igraine e come è collegata ad Arthur?

Episodio 3, 'Da solo'

Foto: per gentile concessione di Netflix. Il combattimento con la spada di legno di un giovane Arthur viene interrotto. Suo padre, un cavaliere, era stato ferito in una rissa. Arthur si inginocchia al suo fianco mentre gli dice il suo ultimo desiderio: riportare indietro l'onore dei cavalieri.
Arthur adulto cavalca sul suo cavallo attraverso un villaggio, la spada legata alla schiena, mentre i passanti ipotizzano che sia lì per un torneo. Nimue, nel frattempo, si sveglia nell'abbazia con una giovane sorella, Iris, che la guarda, la spada introvabile. Iris afferma di avere un talento insolito: se fissa qualcuno abbastanza a lungo può vedere il demone in loro. Sorella Igraine entra e accompagna Iris fuori prima di schiaffeggiare Nimue. Sorella Igraine vuole nascondere Nimue nell'abbazia, ma Nimue la spinge da parte ed esce, i Paladini Rossi incluso Carden che sciamano nella zona. Nimue torna all'abbazia, incontra l'abate Nora. Nora sospetta che qualcosa stia succedendo, ma crede alla bugia di Nimue secondo cui è una donna incinta di nome Alice, lasciandola alle cure di Igraine poiché ci sono anche Paladini feriti nell'edificio.
Annuncio pubblicitarioIgraine e una Nimue ben camuffata entrano nella stanza in cui sono tenuti i Paladini. Quello ferito è insanguinato, con pezzi di rami e radici che fuoriescono da luoghi che sicuramente non dovrebbero essere. Gli altri paladini incolpano 'la ragazza Fey' per il suo destino. Igraine estrae una radice dalla gola dell'uomo. Nimue se ne va per farsi le medicazioni, ma sente per caso Carden parlare della spada e prende una brocca da un'ignara suora per darsi un motivo per entrare nella stanza. Carden sa che una strega Fey è scappata con la spada: il simbolo è segnato sulla vittima di Nimue. Il Monaco piangente entra con gli elenchi degli Anziani Fey che sono ancora vivi. Carden vuole che i Paladini estinguano i Fey in modo che possano possedere la spada. 'Allora, e solo allora, i fuochi celesti verranno per Merlino', dice. Nimue fa una pausa mentre esce dalla stanza, ma il Monaco piangente percepisce qualcosa di diverso nella sua presenza mentre guarda sottilmente dietro di sé. Perquisisce la sua stanza, trova i suoi vestiti e annusa profondamente. Qualcuno è stato scoperto.
Nel frattempo nella stanza con la vittima di Nimue, Nimue e Igraine stanno esaminando la sua insolita bruciatura dalla spada. Igraine capisce che l'ustione è dentro di lui, il suo potere è attinto dai quattro elementi, acqua, terra, aria e fuoco. Il Monaco, nel frattempo, informa Carden che il nemico è nell'edificio.
Arthur, ancora tenendo la spada, incontra sua zia Marion. Vuole la sponsorizzazione di Sir Ector per il torneo, spiega. Nimue si prende cura della sua paziente con i rimedi Fey, un rischio maggiore dato il numero enorme di Paladini nell'edificio. Nora entra nella stanza per controllare il suo stato e cerca di nascondere il trattamento Fey proprio mentre Carden entra, chiedendo se qualche nuova ragazza si è unita all'abbazia. Nora mette insieme i pezzi e copre per Nimue, portando Carden a chiedergli di interrogare tutte le sorelle una per una.
Annuncio pubblicitarioAl castello, re Uther sta portando a sua madre latte riscaldato con miele, ma mentre i due litigano, ha un secondo fine. Merlino è scomparso, spiega, ma si scopre che sua madre può vedere tutto ciò che accade dal suo trespolo - incluso il rituale pieno di pioggia di sangue di Merlino durante la tempesta di fulmini - e sospetta che Merlino stia tramando qualcosa.
Nimue si nasconde ai Paladini mentre vede Igraine con un'altra sorella. Piangendo e sconvolti, i due si baciano prima di avvistare Nimue. Non dirà a nessuno quello che ha visto, dice a Igraine, perché quello che hanno fatto non è sbagliato. I Paladini radunano tutti nell'abbazia mentre Nimue si imbatte in fogli che descrivono i loro piani e mappe. Li arrotola e se li infila nella manica, ma viene quasi presa da un paladino che le dice di andare alla stalla. Nimue prende una svolta e brucia i piani dei paladini nel fuoco.
Arthur, portando la testa alta e con la spada destinata a Merlino, fa visita a suo zio, Sir Ector, per chiedere la sua sponsorizzazione. Arthur è d'accordo che Sir Ector potrebbe avere cavalieri più degni di lui, ma insiste che può batterli. Arthur vuole l'opportunità di guadagnarsi il rispetto di suo zio. Sir Ector lo afferra, vedendo il potenziale in Arthur, soprattutto se indossa l'armatura di suo padre. Ha un'arma degna, però? Arthur estrae la spada e racconta a Sir Ector una storia estremamente inventata di come è finito con la spada: ha salvato la vita di una ragazza a Hawksbridge, e lei gli ha dato la spada in cambio. Sir Ector acquista la storia e sembra non riconoscere la spada.
Annuncio pubblicitarioLa vedova si unisce a Merlino nella taverna, chi è ... che altro? - potabile. Abbiamo un'idea del motivo per cui Merlino è in questo modo. Ha vissuto 'troppo a lungo', dice, e ha visto così tanto nei suoi anni che inizia a dimenticare come ci si sente a meraviglia ... ma il vino può quasi avere il sapore di meraviglia. La vedova ha avuto una visione e non permetterà a Merlino di distruggere la spada nel fuoco dei Fey. Merlino non morirà se viene distrutto, ma soffrirà così tanto che supplicherà per la fine.
Arthur e Sir Ector si siedono in una taverna, ma Bors si avvicina, e non sorprende che continui a ribollire per il fatto che gli sia stata tagliata la mano e che sia uscito così tanto argento. Chiede ad Arthur se ha spiegato come è arrivato a possedere la spada. Bors rivela che Arthur è stato con una ragazza Fey e Sir Ector chiede la verità della spada. Arthur ammette di aver rubato la spada e Sir Ector dice che è peggio di un imbarazzo.
All'abbazia, tutti sono riuniti nel granaio in modo che i paladini possano interrogarli e il monaco piangente può provare a scoprire i Fey in mezzo a loro. Nimue e Igraine sono con il Paladino ferito, che sta guarendo grazie al trattamento Fey che gli hanno dato. Improvvisamente peggiora e altri paladini vengono a pregare per lui, ma Nimue e Igraine se ne vanno proprio mentre il Monaco piangente entra nella stanza.
Igraine dà a Nimue le indicazioni per arrivare ad Arthur, rivelando che è sua sorella. Questa non è la sorpresa più grande, però: Igraine non è nemmeno il suo nome. C'è stato un pasticcio quando è arrivata all'abbazia e Igraine è in realtà il nome di sua nonna: è Morgana. Abbraccia Nimue e le promette che non è sola. Nimue parte su una barca.
Annuncio pubblicitarioMerlino chiede di essere portato dal re mentre un gruppo di uomini gli balza addosso. Affonda nella polvere. Questo è, uh, un modo di viaggiare?
Domande scottanti: Quale re sta visitando Merlino? Chi è la vedova e cosa ha visto?

Episodio 4, 'Il lago rosso'



Foto: per gentile concessione di Netflix. Igraine, ehm, Morgana la sta colpendo in faccia per dare l'impressione di essere stata picchiata. Viene 'trovata' da due paladini e dice a Carden che la strega è corsa verso Hawksbridge, cercando di far perdere l'odore di Nimue a tutti. I Paladini stanno portando una donna fuori dall'abbazia mentre Carden fa un grande discorso su tutti coloro che entrano in guerra e chiede a Morgana di essere il suo soldato. 'Sì, padre', risponde (come se avesse altra scelta).
Nimue attracca la sua piccola barca e incontra Dizier e sua moglie, Clothilde. Nel carro ci sono due membri del Clan Snake, un padre e un figlio. Sono immediatamente diffidenti nei confronti di Nimue, ma lei promette che non li farà del male. Dizier sa che Nimue è Fey, e che Morgana l'ha mandata - si scopre che Morgana ha gestito un Fey Underground presso l'abbazia ed è una figura chiave nella Resistenza (beh, suona sicuramente familiare!). I sopravvissuti stanno lasciando segni per gli altri sugli alberi e sulle rocce chiamati Nemos. Nimue ha bisogno di andare da Gramaire, ma gli altri la avvertono che è troppo pericoloso e rischioso. Si rifiuta di parlare loro dell'esistenza della spada, ma dice loro che sta cercando un oggetto chiave per la sopravvivenza di tutti. Dizier accetta questo e cambia rotta a Gramaire.
Annuncio pubblicitarioPym, nel frattempo, è arrivato dopo essersi nascosto nelle trappole ma è con gli occhi spalancati, coperto di terra e senza parole. Un giovane la trova ma sua madre non lo avrà poiché è di tipo Fey, quindi sgancia una bomba su tutti (incluso Pym): si sposeranno, quindi ovviamente lei deve restare. Una volta che sua madre se ne è andata, si scopre che non era solo una copertura. Vuole davvero sposarsi e il destino l'ha portata alla sua porta. Uh Oh.
Arthur è su un carro con diversi Paladini. La strada per Gramaire è bloccata da altri paladini, poiché tutti hanno capito che Morgana-slash-the Wolf-Blood Witch è all'abbazia e stanno cercando la spada. I paladini nel carro sono allegri, poiché hanno la spada e, per dirla con le loro parole, 'il tizio che l'ha intaccata'. I Paladini nel carro insistono per portare la spada a Carden stessi.
Merlino, nel frattempo, viene trasportato da un gruppo di Afflitti, uno straccio che gli copre gli occhi, verso quelle che sembrano rovine estremamente umide e paludose. Sibilano tutti mentre guidano Merlino dal loro re, Lord Rugen. Lo sguardo di Rugen è ben diverso dal re Uther: la sua corona non brilla, ma il rubino nell'occhio destro lo è certamente. Merlino vuole sapere cosa ha sentito Rugen su Carden. I Paladini Rossi hanno costretto tutti a lasciare la strada, compresi i mercanti, e Merlino non farà nulla al riguardo: Rugen è incazzato. Merlino vuole che i Signori delle Ombre, incluso Rugen, possiedano la Spada del Potere prima che Uther scopra che esiste ancora. Merlino afferma di non volerlo per se stesso, ma per Rugen. (Qualcun altro non lo compra?) Merlino regala a Rugen un'antica coppia per dimostrare la sua buona fede.
All'abbazia, Iris sospetta perché la strega non abbia ucciso Morgana. Il carro su cui si trova Nimue, nel frattempo, è stato fermato dal Monaco piangente. Dizier mente e dice che Nimue è sua nipote, Johanna, e lavorano nel settore della pelletteria. Inganna la guardia e gli è permesso di dirigersi verso le porte di Gramaire. Il Monaco piangente vede attraverso di essa, tuttavia, e informa i Paladini e Carden. Intorno a loro, sugli alberi e sul terreno, ci sono i simboli di cui parlava Dizier: Nemos.
In un altro carro, Arthur sta schernendo un paladino, raccontandogli la storia di un ex compagno di cella mentre scatta furtivamente la serratura delle sue manette. Riesce a scappare dal carro, ma i Paladini si fermano rapidamente in modo che possano inseguirlo.
Rugen porta Merlino al suo bottino di tesori. Ha ogni tipo di gemma e di valore che ci si aspetterebbe di vedere normalmente: rubini sangue di piccione, il calice di Ceridwen e nel mezzo uno scheletro in decomposizione di una donna con rocce accuratamente impilate per le ali e smeraldi per gli occhi, il fuoco verde Fey che ha forgiato la Spada del Potere che brucia davanti a lei. Rugen posiziona la coppia sul collo dello scheletro, Boudicca, rendendola completa.
Il carro di Nimue raggiunge Gramaire e lei se ne va, lasciandosi dietro Dizier e gli altri. All'abbazia, Iris sta pregando intensamente e chiede un segno da parte di Dio in modo che possa fare il suo bene (immagino che quando Carden dice 'no', tu vai in cima?). Lancia una Bibbia in una pentola, facendola cadere e rivelando una collana all'interno. Iris marcia verso Morgana con la collana, ma se n'è andata. Morgana sta lasciando l'abbazia dalla stessa uscita di Nimue, ma non senza un arrivederci (e un bacio) da parte di Celia.
Nimue si avvicina al castello di Ector, ma i cavalieri che fanno la guardia non la lasciano entrare. Arthur la vede, sollevato di vederla al sicuro, ma lei gli punta un coltello, chiedendogli la spada. Arthur la informa che i paladini ce l'hanno e che è appena scappato da loro, ma Nimue vuole sapere dove li ha abbandonati. Mentre si fanno strada attraverso i boschi, scoprono il carro su cui era appena stato Nimue, Dizier e tutti gli altri morti per mano dei Paladini. Nimue si fa strada attraverso i boschi, sussurri e uno scintillio mistico che la conduce alla spada.
I Paladini stanno facendo il bagno nell'acqua, avendo lasciato la spada nel carro (mossa intelligente, ragazzi). Nimue chiede alla spada di darle il suo potere mentre brilla. Uno dei paladini che fanno il bagno si ferma mentre guarda nell'acqua: non sono soli. Nimue si alza da sott'acqua in tutta la sua futura gloria di Signora del Lago e lo accoltella con la spada prima di voltarsi verso l'altro Paladino che fa il bagno e tagliargli il collo. Altri paladini si uniscono alla lotta con la spada e Nimue ne uccide la maggior parte tranne uno, che la mette in una morsa, portandola sott'acqua. Può sentire la voce di Lenore che le dice: 'Porta questo a Merlino' mentre Arthur uccide l'ultimo dei Paladini e tira fuori Nimue dall'acqua insanguinata.
Nimue e Arthur trovano la bambina del carro, che è ancora viva. Devono portarla da qualche parte al sicuro, un compito impossibile, ma i vecchi simboli Fey nei boschi offrono indicazioni che Nimue comprende. Nel frattempo, Iris si sta allontanando dall'abbazia mentre brucia dietro di lei, le urla penetrano nella notte. Pym si dirige verso il porto dove ha visto un attraente commerciante quel giorno, probabilmente lo stava cercando, mentre Merlin si sveglia e afferra la sua torcia, inseguendo l'incendio dei Fey con le chiavi che ha rubato a Ruger. Riesce a riempire un thermos con la fiamma di smeraldo, ma non è solo nella grotta. Gli Afflitti di Ruger scendono da tutti i lati, ringhiando e inseguendo Merlino. Salta sul suo cavallo appena in tempo per sfuggirgli. Nimue, Arthur e il bambino arrivano a Nemos. 'Siamo a casa', dice Nimue.
Domande scottanti: Chi è Boudicca e cosa significa il suo completamento? Cosa farà Merlino con il fuoco dei Fey? Nimue e Arthur sono davvero al sicuro a Nemos?

Episodio 5, 'The Joining'

Foto: per gentile concessione di Netflix. L'episodio si apre con una scena macabra: Cumber the Ice King (Johannes Haukur Johannesson) taglia rapidamente la testa di un cavaliere con un'ascia mentre gli spettatori che indossano pesanti pellicce guardano. Cumber si rivolge a un altro uomo inginocchiato a terra, terrorizzato. Vuole che trasmetta un messaggio a Uther, il 're delle bugie', che il vero erede di sangue della Casata Pendragon è arrivato.
Nimue si sveglia in una grotta, dove Arthur ha custodito la sua spada. Si sente già fuori posto a Nemos poiché ha troppo 'sangue umano'. Morgana entra e Nimue le racconta la notizia di Dizier prima di andare a fare una passeggiata nel bosco. A Nemos, lo scenario è etereo, i lussureggianti alberi verdi e l'erba bagnati da una luce solare dorata - niente nuvole qui. Pettegolano su Merlino e Arthur mentre camminano. Morgana è scettica sul desiderio morente di Lenore e non vuole che Nimue si distragga con una stupida cotta (sembra che alcuni problemi siano universali, anche negli universi mitici).
La fuga di Merlino da Ruger's non sta andando così bene. È arrivato abbastanza lontano a cavallo ma viene fermato da un gruppo di cavalieri nei boschi che li accusa di tradimento. Manda via il suo cavallo dalla vedova mentre è circondato dai cavalieri. Carden entra in una tenda circondato da persone con la faccia d'oro, ma non permettono al Monaco piangente di entrare. Dentro c'è un uomo che fa il bagno che Carden chiama 'Sua Santità' - sembra che ci sia qualcuno sopra di lui. Carden viene incaricato di prendere la spada e occuparsi di lei, o la Trinità assumerà il comando dell'esercito del Paladino Rosso ... e non hanno pietà. Carden esce, furioso con il Monaco piangente, incolpandolo per il loro fallimento nel catturare la spada.
Iris, avvolta in un panno rosso, si avvicina a un gruppo di Paladini Rossi seduti intorno a un fuoco nel bosco. Vuole essere un paladino rosso, ma la prendono in giro poiché è una donna e le dicono di portare loro la testa della strega del sangue di lupo, ridendo.
Pym è riuscita a intrufolarsi sulla nave con la Lancia Rossa e la sua cotta, Dof. Gli altri vichinghi vogliono affogarla dopo aver visto i suoi lunghi capelli e aver messo insieme che è Fey, ma lui convince gli altri a tenerla in giro per i suoi talenti curativi.
Morgana e Nimue stanno andando a far visita a Yeva (Olwen Fouéré), un'anziana e strega di Ala della Luna che è la loro migliore possibilità di trovare Merlino. Morgana abbandona Nimue all'ingresso: il sangue non è permesso. All'interno della grotta, Yeva è accovacciata a terra, con indosso una pelliccia bianca e sporca di qualche tipo. Nimue ha un odore 'sbagliato', dice Yeva, non come Sky Folk, e che il padre di Nimue aveva ragione a temere il suo sangue. Yeva alla fine accetta di passare un messaggio a Merlino usando il suo uccello, Marguerite, anche se è un traditore.
Al castello, la madre di Re Uther ha dure richieste per suo figlio: uccidi Merlino, alleato dei Paladini Rossi contro il Re di Ghiaccio, e gettalo in mare. Una volta che non ci sono re a cui resistere, sarà facile per lui recuperare la spada. Semplice…
Arthur e Nimue escono da una grotta in un ambiente idilliaco e paradisiaco. Le rocce brillano, il sole sta tramontando e c'è una sorgente termale nelle vicinanze. Arthur si spoglia rapidamente e salta nell'acqua ( Oh, Ciao ), convincendo Nimue a unirsi a lui. Le volta le spalle mentre lei si toglie i vestiti, cosciente delle sue cicatrici, e si unisce a lui. I due hanno una conversazione profonda in cui Arthur racconta a Nimue di suo padre. (Questo è un modo per conoscere qualcuno.) Nimue lo ringrazia per averle raccontato la sua storia e si avvicina a pochi centimetri da lui, desiderando un bacio. Arthur chiaramente lo vuole ma si allontana all'ultimo secondo. 'Ti meriti qualcuno di buono', le dice. Ha paura di rovinare la loro potenziale relazione e non vuole ferirla. Nimue si gira e esce dall'acqua, frustrata mentre gli rivela le sue cicatrici.
Sulla nave, Pym si rivolge alla bottiglia mentre i vichinghi vengono da lei uno per uno con i loro disturbi. Alcuni sono squarci sanguinanti e frecce conficcate nei punti in cui dovrebbero non essere mentre gli altri richiedono un diverso tipo di guarigione; 'Negli ultimi tempi ho pensieri oscuri', le dice un vichingo. Dof le si avvicina una notte, ma è quasi finita sulla nave. Le prende la mano e le pizzica l'orecchio, cercando di farla sentire meglio.
Uther fa visita a Merlino, che è incatenato in una cella. Ha deciso che il sangue caduto sul castello non è loro, ma di Merlino a causa della sua ubriachezza e lealtà, e l'unica soluzione è un'esecuzione. Merlino ha tempo fino al mattino per consegnare la spada o la folla avrà la sua testa. (Nessuna pressione!)
Nel bosco, Iris è seduta accanto a un fuoco riscaldandosi mentre un gruppo di Fey le si avvicina, offrendosi di tenerla al sicuro. Al castello, è mattina e Merlino viene portato alla ghigliottina mentre la madre di Uther guarda dalla sua torre. Mentre Uther condanna a morte Merlino, l'uccello Marguerite arriva con il messaggio di Nimue. La lettera offre di portare la spada a Merlino, salvandolo dall'esecuzione questa volta.
Arthur si avvicina a Nimue, che è piena di rossetto e un vestito nuovo per una partecipazione - un evento simile a un matrimonio - quella notte. Vuole dirle che se ne va, ma lei insiste che venga, anche solo per dimenticare per un'ora tutto quello che li affligge. L'intesa tra i due è insormontabile poiché Nimue gli chiede di restare e finalmente si baciano. Tuttavia, viene interrotto dall'arrivo del Cavaliere Verde e nell'entusiasmo Nimue e Scoiattolo si riuniscono. Il Cavaliere Verde, a quanto pare, lo ha salvato. Il cavaliere si toglie l'elmo per rivelare l'unica persona che Nimue meno si aspettava: Gawain (Matt Stokoe), uno dei suoi più vecchi amici. I due si abbracciano (con grande sgomento di Arthur), scioccati nel vedere l'altro vivo. (Qualcun altro avverte la formazione di un triangolo amoroso qui?) Iris, nel frattempo, viene introdotta nell'Unione, dove gli altri Fey la consolano e le dicono che saranno al sicuro dai Paladini Rossi dato che la Strega Sangue di Lupo è lì. Puoi praticamente vedere gli ingranaggi che girano nella mente di Iris.
Merlino fa visita alla regina reggente nella sua torre, volendo raccontarle la storia della levatrice. Era stata una fredda notte di maggio, ma la gente stava sotto le stelle con le candele in mano perché quella notte stava nascendo un re. Il bambino ha lottato all'interno della regina reggente, un bambino nato morto. La regina reggente si è rannicchiata con la levatrice e ha creato un complotto. L'ostetrica ha pagato una famiglia per il suo bambino, ma giorni dopo quella madre è stata trovata morta, probabilmente avvelenata. Merlino insinua che la levatrice è viva e vegeta, sotto la sua protezione, con sgomento della regina reggente.
Nimue mostra a Gawain la spada. La informa che l'arma, conosciuta come la spada dei primi re, è la loro storia, la loro speranza. Gawain pensa che il desiderio morente di Lenore di darlo a Merlino sia sbagliato. Pensa che sia una merce di scambio, quindi Merlin proteggerà Nimue, ma Gawain insiste che la proteggerà (non che ne abbia bisogno, come ormai sappiamo tutti).
Al loro ritorno, Morgana piange perché l'abbazia è stata rasa al suolo dalle fiamme, nessun sopravvissuto, compresa Celia. Iris è in disparte, inespressiva per il dolore e la sofferenza che ha causato.
Nimue fa visita a Yeva, che ha una risposta da Merlino. The Hidden porterà Nimue da Merlin, è troppo pericoloso sulla strada. I ricordi arriveranno a Nimue - forse buono, forse cattivo - come la voce del Nascosto. Merlin attende Nimue sulla strada per il Between. Nimue sperimenta una serie di ricordi, in particolare suo padre che se ne va perché c'è una maledizione nel suo sangue, mentre cavalca mentre un giovane Nimue lo supplica di restare. Nimue si risveglia nel tempio dove è morta sua madre, Merlino in piedi dall'altra parte della piattaforma. Nimue spiega che Lenore è sua madre e qual era il suo ultimo desiderio. Nimue spiega perché Lenore le ha chiesto di portare la spada a Merlino: è suo padre. Entrambi ansimano e Nimue si sveglia.
Domande scottanti: Che tipo di caos farà Iris con i Fey? Se Merlino è il vero padre di Nimue, allora chi è Jonah?

Episodio 6, 'Festa and Moreii'



Foto: per gentile concessione di Netflix. Il Monaco piangente scocca una freccia infuocata nei campi del Fey. Carden ha un nuovo piano per sbarazzarsi del tipo Fey: farli morire di fame, bruciare i loro campi, flagellare le loro fattorie fino a farli prendere dal panico.
Nimue insiste nel portare la spada a Merlino, ma Gawain è incredulo. Crede che la spada possa aiutarli a vincere la guerra contro Carden e il Monaco piangente mentre i loro campi bruciano. Un Arthur sorridente interrompe la conversazione, una terza ruota sgradita per Gawain. Gawain insiste nell'accompagnare Nimue, ma Arthur aveva già intenzione di seguirlo. Nimue è sbalordita: non ha bisogno di una scorta, dice alle rivali. Gli uomini sono determinati a farle scegliere, così sceglie Kaze (Adaku Ononogbo), una donna che è rimasta lì vicino a guardare l'intera discussione. Anche Morgana vuole seguirla, ancora sconvolta per quello che è successo a Celia. Non vive più per i clan Fey, dice Morgana, ma non è sicura per chi vive adesso.
I tre partirono a cavallo mentre Merlin preparava le sue cose, inciampando in un piccolo portagioie di legno con un minuscolo fiore essiccato al suo interno. Vediamo un flashback di Lenore che rotola il fiore fresco tra le dita, un ricordo intimo per Merlino. Uther entra nella stanza, curioso di vedere dove si sta dirigendo Merlino per prendere la spada.
Merlin parte per il suo viaggio, ma la regina reggente veglia sulle sue mosse. I Fey, nel frattempo, stanno lottando: è rimasto solo un mulino e un percorso per raggiungerlo. Arthur è sospettoso che la strada aperta sia una trappola tesa dai Paladini Rossi e si offre di seguirla come protezione. Gawain chiaramente non è entusiasta della prospettiva di dover viaggiare con il suo rivale nel triangolo amoroso.
Nimue, Morgana e Kaze arrivano al castello. Kaze esorta Nimue a convincere Uther a lavorare contro i Paladini e il Monaco piangente, mentre Morgana le ricorda di ascoltare l'Hidden. Merlino e Nimue si trovano faccia a faccia. Nimue inizia con le pesanti domande: amava sua madre? Merlino conferma di averlo fatto. Crede che una volta lo amasse. I due intraprendono una conversazione concisa mentre Nimue sembra cambiare idea, sentendosi sotto pressione per dargli la spada. All'improvviso ci sono voci che circondano la coppia, spingendo Nimue a estrarre la spada. Le voci appartengono a Festa e Moreii, nate da clan rivali, spiega. Si sono nascosti nel castello e hanno bevuto la cicuta per non essere mai separati. Nimue non è qui per la storia, però - vuole risposte su come è diventata, perché Merlino l'ha lasciata. Merlino crede che la deluderà. Ha scelto la location, spiega, perché Festa e Moreii permetteranno a Nimue di vedere il passato con i propri occhi.
Scoiattolo si avvicina a Gawain, chiedendogli se deve portare una spada o una lancia per accompagnarli nel viaggio, ma Gawain non gli permetterà di seguirlo. Scoiattolo torna nella stanza dei bambini, dove Iris gli si avvicina chiedendogli del suo arco.
Merlino porta Nimue alla panchina dove Festa e Moreii sono morti con la promessa che non la ingannerà mai. Si siede di fronte a lui, la spada in grembo, mentre Merlino tira fuori una collana che attirerà gli amanti. Viene trasportata in un paio di ricordi di Merlino di Lenore. Nel primo, Nimue e Merlin sono in disparte mentre Merlin si dirige verso il tempio dove è morta sua madre. Si stende a terra mentre una travolgente Lenore viene in suo soccorso, rifiutandosi di lasciarlo morire nella casa degli Nascosti. Nel secondo ricordo, Lenore e Merlino stanno camminando per i boschi, Lenore flirta casualmente con lui mentre chiede a Merlino di se stesso. Lo informa che i Fey lo odiano e se lo trovassero lo ucciderebbero. 'Morirei felice', le dice.
Mentre Gawain e Arthur cercano di raccontare le loro storie di battaglia in rotta verso il mulino, Scoiattolo sta insegnando a Iris come usare arco e frecce. Scoiattolo cerca di fingere che il bersaglio sia un paladino, ma Iris sta lottando. Una volta che inizia a parlare di come la sua famiglia l'ha abbandonata, tuttavia, fa il suo bersaglio, spaventando Scoiattolo.
Merlino e Nimue hanno lasciato i suoi ricordi. Sta cercando di insegnarle come controllare il Nascosto - di solito arriva a Nimue con rabbia, ma lei può creare un'intenzione e arrendersi al nascosto. Nimue affronta un albero con rami spogli. Foglie e frutti iniziano a germogliare da esso. La chiave per farlo funzionare si è rivelata pensare a qualcuno che Nimue amava: sua madre? O forse Gawain o Arthur? Hmm.
Mentre Merlin e Nimue mangiano, rivela che la spada era sua ma che non la vuole più. Merlin è cresciuto dipendente dalla spada con il tempo e lo ha vinto. Nimue è fiducioso che non incontrerà i suoi problemi perché ogni suo nemico sarà sicuramente sconfitto. Parlato come un vero guerriero.
'Spada o non spada, quei nemici ti troveranno e ti uccideranno', avverte Nimue. Si rifiuta di condividere i suoi piani per la pace ma vuole la fiducia di Nimue. Nimue vuole solo vedere il passato e ne è testarda. Merlino porta Nimue a un ricordo che nessun bambino dovrebbe mai vedere dei propri genitori come Merlino e Lenora si legano. Nimue si volta e poi vediamo le conseguenze mentre i due si sdraiano - il pieno ricordo del fiore viola che ha trovato in precedenza. Le chiede del matrimonio, ma si scopre che è già stata promessa a Giona, anche se non lo ama.
Nel ricordo successivo, Lenora sta pulendo il tempio mentre Giona e suo padre arrivano. Giona sembra disinteressato mentre suo padre vede Lenora come inutile dal momento che non ha dote e non ci sono offerte nel tempio (anche se questo è uh, non è qualcosa che lei controlla - quello è sugli adoratori, amico). Merlino si trova vicino a un'entrata del tempio e lancia un incantesimo. Nel prossimo ricordo, Lenora e Merlin stanno avendo una feroce lotta. Si sono distrutti a vicenda, concludono, mentre Merlino si allontana. Lenora scopre la spada sotto la piattaforma nel tempio e la lascia cadere come se l'avesse bruciata. Nell'ultimo ricordo, chiede a Merlino di lasciarla se la ama davvero, così lei può sposare Jonah. Se ne va mentre Lenora si siede, lo shock e il dolore la sopraffanno. Nimue scatta dai ricordi mentre Merlino giace a terra, ancora una volta ubriaco, ripetendo: 'Basta'.
Nimue prende la collana da Merlino e gli fa una domanda pericolosa: 'Mostrami quello che non vuole che io veda'. Nimue viene portata in una città immersa nel caos: ci sono fuochi che bruciano ovunque, corpi insanguinati a terra mentre uomini ringhianti e senza maglietta e Paladini Rossi si combattono a vicenda. Brandendo la spada, Merlin affetta rapidamente due persone che si rannicchiano per la paura. Nimue ne esce e punta la spada su Merlino, inorridita da ciò che ha visto. 'Ho vissuto molte vite', le dice. 'Alcuni contenevano errori terribili.' Quanti sono morti per mano di Nimue, però? Nimue è certa che la sua causa sia giusta, allo stesso modo in cui Merlin era certo della sua causa. La vendetta ha preso il sopravvento su di lui e farà la stessa cosa a lei, avverte.
Merlino rivela la sua vera intenzione di sciogliere la spada nel fuoco dei Fey e distruggerla. Giura che farà di tutto per proteggere i Fey, ma non vuole che Nimue - o se stesso - abbia il fardello della spada.
Nel frattempo, un gruppo di soldati Pendragon si sta avvicinando al castello mentre Morgana e Kaze fanno la guardia. Merlino giura di non averli mandati, ma Nimue non gli crede e gli ripete le parole di sua madre: 'Lascia che questa sia l'ultima volta che vedo la tua faccia'. I tre escono rapidamente, lasciando Merlino con i soldati di Pendragon.
Gawain e Arthur sono quasi al mulino e ancora litigi. Gawain vuole che tutti smontino e si dirigano a piedi, mentre Arthur non è d'accordo. Gli uomini ascoltano Gawain mentre Arthur lo affronta. Arthur e un ragazzo che lo ha seguito in giro, chiaramente idolatrandolo, restano indietro. Arthur intende insegnargli alcuni trucchi ma il ragazzo viene colpito a distanza da una freccia del Monaco piangente. Una seconda freccia perfora l'aria, puntata direttamente su Arthur ... e noi tagliamo via.
Domande scottanti: Uh , Arthur è sopravvissuto a quell'attacco con la freccia?

Episodio 7, 'Portaci una buona birra'

Foto: per gentile concessione di Netflix. Riprendiamo esattamente da dove avevamo interrotto, con la freccia che vola verso Arthur - e invece lo manca di poco per un albero. Arthur afferra la sua spada mentre il Monaco piangente lo carica ei due si danno battaglia con la spada. Arthur trascorre la maggior parte del combattimento a essere gettato a terra dal monaco piangente e noi tagliamo via proprio mentre il monaco estrae la sua spada su Arthur.
Gawain e gli altri uomini si avvicinano al mulino, dove le cose sembrano essere normali, finché uno dei suoi uomini non viene colpito da una freccia. I paladini li attaccano da ogni direzione tra gli alberi mentre Gawain ei suoi uomini corrono verso il mulino. Arthur e il monaco piangente lo sono ancora combattendo nella radura. Arthur prende una brutta fetta al petto e cade di nuovo. Proprio mentre il Monaco piangente sta per conficcare la spada nel suo cuore, Gawain balza e lo spinge da parte. 'Andiamo, Man Blood,' ordina ad Arthur, riuscendo a ottenere un insulto nonostante l'intera, sai, situazione di vita o di morte. La coppia abbatte abilmente un gruppo di Paladini mentre si dirigono al mulino. Gawain e Arthur riescono a entrare nel mulino ma perdono Bergerum (Miles Yekinni), uno degli uomini dalla loro parte, a causa di una freccia.
Nimue, Morgana e Kaze decidono di mandare via i loro cavalli e nascondersi in una grotta nella speranza di scacciare i soldati di Pendragon dal loro odore. Keza non è un fan del piano e sembra scettico. Merlino, nel frattempo, si libera dalle sue catene, afferra le sue cose e si allontana dai soldati di Pendragon.
Il trio entra nella caverna buia e osserva l'opera d'arte dipinta sui muri, le torce illuminano la strada. Il primo raffigura i Celti che sfidarono Cesare. Il prossimo mostra il Cailleach che offre aiuto alle persone, quindi gira le lame per proteggere gli innocenti. Ha chiesto il pagamento, tuttavia: i bambini devono essere consumati dal dio ragno. Le persone indifese si trovano in balia dei demoni, osserva Kaze. Nimue la vede in modo leggermente diverso (forse attingendo alla sua esperienza qui?) - La Cailleach potrebbe non aver conosciuto la sua vera natura quando ha incontrato per la prima volta i Celti. Mentre si fanno strada attraverso la grotta, si trovano su una sporgenza, circondati da una serie di ossa. Nimue ha flashback di Merlino che brandisce la spada, morte e distruzione intorno a lui. Keza percepisce la sua preoccupazione e fa notare che il Dente del Diavolo l'ha scelta per un motivo. Il personaggio di Nimue è più forte di quello di Merlino, le dice Keza. Nimue non la compra: tutto ciò che la spada vuole è la morte. 'Sono stufo dell'onore comprato con il sangue!' esclama mentre calcia via le ossa. Keza la castiga per smetterla di piagnucolare e guidare con la spada. Morgana osserva mentre Nimue lancia la spada nell'abisso. Nimue è immediatamente inorridita da quello che ha appena fatto. Morgana dice agli altri due di tornare sui loro passi mentre insiste che recupererà la spada.
Sulla nave, il capitano della Lancia Rossa si avvicina a Pym, chiedendole di cucirle il braccio, che è stato tagliato con un'ascia. Vuole partire per Black Chain ma Pym fa notare che i luoghi da cui sono stati rubati sono già stati derubati due volte - perché non provare invece i Red Paladins?
In fondo al mulino, dove le persone si nascondono, Squirrel salta dentro, ansioso di uccidere i Paladini, con grande sgomento di Gawain. Bergerum è a terra davanti al mulino, ancora vivo. Il Monaco piangente si avvicina a lui sul suo cavallo e lancia un elmo con le corna sopra. Gawain tenta di sparare al Monaco dalla cima del mulino, ma spinge rapidamente la freccia da parte con la sua spada. Il Monaco piangente afferra Bergerum e annuncia una richiesta: arrenditi al Cavaliere Verde - Gawain - e gli altri vivranno. Arthur non lo compra. Il Monaco gira l'arco nella schiena di Bergerum, facendolo sussultare per il dolore. Gawain e Arthur scelgono adesso di tutte le volte a discutere mentre Bergerum urla sotto di loro. Arthur alla fine concede e apre la porta a Gawain. Mentre il Monaco ordina a diversi paladini di portare via Bergerum, Arthur scocca un altro arco, ponendo fine alla sua miseria. 'Onora Bergerum salvando vite, non sprecandole', dice a Gawain.
Merlin fa visita a una donna che sta trascorrendo del tempo con la sua famiglia, i nipoti che giocano nel cortile. Non la riconosce per nome durante la visita, ma i due hanno una sorta di storia e lei accenna a essere stata una contadina. Merlino ha bisogno che lei mantenga la sua promessa e se ne vada subito: il destino di due re e migliaia di vite dipendono dalle loro azioni.
Sulla nave, il capitano è gioioso mentre i predoni si crogiolano nelle ricchezze che hanno rubato ai paladini. Tornata nella caverna, Morgana riesce a farsi strada attraverso gli infiniti tunnel fino alla spada, ma mentre la raccoglie sente una voce spettrale. Kaze è ansiosa mentre lei e Nimue aspettano Morgana in una stanza dorata. Nimue rivela che Merlino è suo padre, ma Kaze la avverte di mantenere il segreto per sé: i Fey non si fidano di Merlino e la loro fede in Nimue non può essere scossa. Dopo tutto, sottolinea Kaze, il suo popolo era guidato da regine, non da re. Morgana sta ancora attraversando i tunnel con la spada, solo per incontrare Celia. I due si abbracciano mentre Morgana osserva le ustioni sulle sue mani. Si scopre che alcuni sono riusciti a sfuggire al fuoco e si sono ricordati di aver giocato qui quando erano giovani. 'Forse gli dei sono misericordiosi', dice Morgana.
Al mulino, il Monaco piangente e i Paladini stanno cercando di bruciare l'edificio lanciandogli contro frecce infuocate. Arthur e Gawain cercano di metterli fuori ma sanno che non saranno in grado di stargli dietro. Nel frattempo, Celia e Morgana stanno raggiungendo la grotta. Celia spiega che il Cailleach è stato colui che li ha aiutati a riunirli. Anche Celia aveva paura di lei, ma le salvò la vita e la portò a Morgana per trasmettere un messaggio: 'Il tuo destino è molto più grande di quanto credi'. La Cailleach crede che Morgana sarà la più grande maga della Britannia, non la strega del sangue di lupo. Morgana è curiosa di sapere come Celia conosce il Cailleach. Celia rivela finalmente il suo segreto a Morgana: è effettivamente morta. Il Cailleach, in via Celia, vuole che Morgana trovi l'uomo fuori dal campanile. Aiuterà Morgana a diventare più potente di Nimue e degli Shadow Lords. Un ragno striscia sulle labbra di Morgana inorridita e nella sua bocca.
Kaze chiama Morgana mentre le fiamme nella camera dove Nimue sta aspettando si spengono improvvisamente. Mentre cerca di accendere un fuoco, il Monaco piangente guarda il mulino bruciare e Arthur cade a terra, intrappolato all'interno. Sta pensando a Nimue e al tempo che hanno passato insieme al Joining, al bacio che hanno condiviso. Nimue fissa la fiamma, vedendo ciò che vede Arthur.
Gawain e Arthur alla fine concordano sul fatto che mentre i paladini sono riuniti a entrambi gli ingressi del mulino, semplicemente non possono aspettare dentro mentre brucia al suolo. Gawain suggerisce che sarà una distrazione, ma Arthur insiste per uscire con Gawain come copertura. È in questo momento, mentre tutto brucia intorno a loro, che Arthur decide di chiedere a Gawain se è innamorato di Nimue. Gawain sottolinea l'ovvio: moriranno tutti molto presto. Arthur insiste, più concentrato sul fatto che combatterà al fianco di un rivale o di un fratello piuttosto che su tutte le vite che sta rischiando con questa conversazione. Gawain ammette che Nimue era una ragazzina quando se n'è andata e che per lui è come una sorella. Arthur dà la mano a Gawain e decidono di morire come fratelli.
I due escono ed estraggono le loro spade mentre i Paladini si avvicinano a loro. Gli altri lasciano il mulino mentre brucia a terra, una massiccia battaglia con la spada che inizia con i Paladini. Il vento ulula in modo insolito mentre il mulino brucia, trasformandolo in un tornado di fumo e fuoco, facendo sì che tutti - Fey, il Paladino Rosso e il Monaco piangente - si fermino sui loro passi e lo guardino girare nel cielo. La nuvola di fumo scuro e vento fa una svolta verso il suolo, diretta a Gawain, ma Kaze lo trascina via appena in tempo. Gli altri gridano che la strega è venuta a prenderli mentre il Monaco piangente si volta e afferra la sua spada, pugnalando la persona che lo stava inseguendo ... solo che era un paladino. Kaze, Gawain e Arthur scappano dal fumo e si dirigono verso Nimue, che si china sulla spada in profonda concentrazione. Il monaco piangente grida: 'No!'
L'uomo che Rueger ha reclutato per aiutarlo a prendere il potere è seduto a un tavolo, fuma la pipa e beve un bicchiere di vino rosso. Mentre si alza e cammina per un cortile scopriamo che ha ucciso l'intera famiglia della donna che Merlino ha visitato in precedenza.
Sulla nave, Pym viene reclutata per unirsi ai combattenti dopo che il suo suggerimento di razziare i Paladini Rossi si è rivelato fruttuoso. Pym è inorridito dalla prospettiva di unirsi a loro, ma Dof le dà la sua collana per protezione, promettendole che non ne ha bisogno perché il suo pesciolino lo ricucirà dopo.
Merlino e la donna visitano Cumber, che ora si nasconde in una tenda nel mezzo della foresta. Rivela a Cumber che ha l'unica chiave per abbattere Uther: la levatrice che ha visto la regina reggente dare alla luce il nato morto. Apre una borsa e fornisce a Cumber un panno contenente il sangue di suo cugino. Merlino ha un favore da chiedere in cambio a Cumber, che apparentemente acconsente senza ascoltarlo. L'uomo che ha ucciso la famiglia dell'ostetrica, intanto, sta ascoltando attraverso un albero.
Pym tiene in mano un'ascia più grande di lei mentre i predoni si avvicinano con cautela nella foresta. Dof le dà un colpetto sulla spalla per dirle che il raid sarà veloce, facendo urlare Pym e i Paladini avanzano su di loro, un caotico pasticcio di spade e arti mentre Pym giace a terra, coperto del sangue degli altri.
Nimue, Gawain e Arthur tornano dall'altro Fey con la notizia delle loro perdite. Arthur è in cattive condizioni, senza fiato mentre Nimue lo sostiene. È ancora testardo quando è ferito, però, dice a Nimue: 'Non mi piace essere salvato da te. Voglio fare il risparmio. '
'Forse lo stai facendo,' risponde Nimue e i due si scambiano un bacio all'aperto, a pochi passi da Gawain.
Gawain tira da parte Nimue per farle sapere che gli altri stanno perdendo la speranza e lui non ha nulla da offrirgli - tutto ciò che hanno ora è Nimue. Lei accetta questo e va verso un ponte in modo da poter trascurare le altre persone Fey, che riconoscono l'acrobazia di fumo e fuoco che ha fatto al mulino. Nimue sottolinea che anche lei ha subito una grande perdita per mano dei Paladini Rossi. I Fey la guardano mentre estrae la spada e ne spiega le origini e il significato per il loro popolo, il fatto che eserciti il ​​potere dei loro antenati. 'Questo è il nostro coraggio, la nostra luce in tutta questa oscurità, la nostra speranza in tutta questa disperazione', dice loro mentre la spada brilla. Giura di essere la loro spada, scudo e che i Fey vivranno di nuovo liberi. Nimue dà alla spada un nome appropriato per il nuovo ruolo che si è data: la spada della prima regina. Gawain alza il pugno in segno di solidarietà alla Regina Fey e gli altri lo seguono. Iris guarda con rabbia mentre Morgana si trova in coda alla folla, ripetendo il nuovo titolo di Nimue con voce monotona, toccando le sue labbra mentre un ragno le striscia sugli occhi.
Domande scottanti: Morgana ha davvero appena acceso Nimue? Gawain stava dicendo la verità che non era interessato a Nimue romanticamente? Di chi è Merlino veramente sopra?

Episodio 8, 'The Fey Queen'

Il Monaco piangente estrae un fiore viola essiccato da un albero che assomiglia a quello che Lenore ha dato a Merlino mentre sente le foglie. Vuole che Carden sappia che ha capito dove si trova il campo Fey. Una ragazza Fey si nasconde dietro un albero, dopo aver visto l'intero scambio.
Gawain e Nimue si incontrano con Arthur, che ha portato Druna (TK), un contrabbandiere, al loro campo. Druna potrebbe spostare la Fey a Bisanzio su tre navi. Gawain respinge immediatamente l'idea, sottolineando che ci sono Fey che si nascondono in altri villaggi. Arthur è preoccupato che non siano già in grado di nutrire i Fey. Questo potrebbe offrire loro la possibilità di preservare la loro lingua e cultura. Nimue dice a Druna che non è in grado di pagarla, ma Druna è felice di ferire i Paladini come può. Nimue prende seriamente in considerazione l'offerta, ma alcuni degli altri Fey sono scettici sul fatto che possano fidarsi di Arthur. L'incontro viene interrotto dalla ragazza Fey, che informa tutti che il monaco piangente e i paladini rossi sono circa a un giorno di cammino da casa loro. Le navi non arrivano per sei giorni, quindi i Fey devono trovare riparo. Gramaire è la città più vicina, ma i Paladini la controllano già. Nimue afferma il suo nuovo status con un piano un po 'fuori dagli schemi: riprendersi Gramiare dai Paladini, anche se solo per sei giorni. Morgana è persino d'accordo sul fatto che i paladini non sospetterebbero il piano. L'unico modo per farcela, però, sarebbe 'dare' loro quello che vogliono: la strega del sangue di lupo.
Merlin è con Cumber mentre l'ostetrica diffonde la sua storia attraverso le terre. Cumber porta Merlin in una tenda e apre il lembo, rivelando Carden. 'Allora, banchettiamo', dice.
Tutti conoscono la storia della levatrice e Uther è furioso con la regina reggente. Tuttavia è stufa della mera esistenza di Uther. Doveva governare, una regina madre per i suoi sudditi, spiega - ma grazie a regole antiquate e al solo fatto che è una donna non doveva essere. È stata relegata per rendere Uther re, e ha fallito in quel semplice compito.
'Madre!' Dice Uther.
'Ma non lo sono, vedi', risponde. Ahia. Ricorda a Uther che tecnicamente è ancora la Regina Madre e lui ha bisogno di ascoltare quello che dice, stringere le alleanze a cui dice.
Nella tenda, Carden consegna a Cumber una mappa dicendogli quali terre possiede il re. Mentre Carden parla, Merlin pone il suo accento e dice che suo padre lavorava per le miniere. Merlino vede proprio attraverso Carden - non ha visto Dio nella chiesa, ha visto un'uscita da una città senza uscita. Carden se ne va con un avvertimento: il fuoco del Signore brucerà gli ultimi Fey rimasti dall'esistenza.
Il Monaco piangente e alcuni paladini sono a casa dei Fey, dove ovviamente non c'è nessuno da trovare. Il monaco non se ne cura e ordina loro di bruciare tutto comunque.
Nel frattempo, a Gramaire, Nimue siede in cima al suo cavallo vicino all'ingresso, tenendo la spada sopra la testa. Uno dei paladini di guardia la vede e tutti entrano in azione per abbatterla. Arthur e Gawain si siedono in disparte, nascondendosi alla vista dei paladini. Nimue si volta e si dirige nel bosco, seguita da un flusso di Paladini a cavallo.
Nimue è inginocchiata a terra, la punta della spada immersa nel terreno mentre i Paladini la raggiungono. Uno a uno i rami mutilano i loro volti e li trascinano tra gli alberi. I Paladini di Gramaire guardano verso il bosco, congelati mentre le urla viaggiano nell'aria. I Fey, nel frattempo, escono dai carri ed entrano a Gramaire. Nimue si avvicina alla piazza e chiede ai Paladini di arrendersi o di affrontare la stessa sorte dei loro fratelli. Un paladino, Vallus, ha un'altra idea mentre estrae la spada. Nimue scende da cavallo ei due si danno battaglia con la spada. Vallus afferma che non c'è nulla da temere e che è una bambina, che la taglia con la sua spada e la prende a calci in faccia. La prende per i capelli, sostenendo che non è niente di speciale. Nimue gli colpisce di testa e cade a terra, strisciando verso la spada e implora per il suo potere. Taglia Vallus a metà alla sua vita - uno spettacolo raccapricciante - mentre i Fey stanno in cima a uno degli edifici, si inchinano pronto. I Paladini scappano, lasciando Gramaire per i Fey.
Nimue giace sul retro di un carro, ferito, mentre Arthur e Gawain si prendono cura di lei. Non appena si allontanano, Iris si avvicina a Nimue con un coltello, pronta a portarla fuori, ma Gawain la ferma. Quando Nimue si sveglia, Pym le tiene la mano: i predoni stavano inseguendo i Paladini nella stessa area. Nimue le prende la mano, ma è insanguinata, il manico della spada è bruciato sopra.
Arthur va a trovare sua zia e suo zio per far loro sapere che Gramaire è libera, ma suo zio non la prende bene. Non pensa che Nimue sia molto più di una contadina con un bersaglio sulla schiena.
Morgana fissa il campanile, dove vede la visione di un morto insanguinato, a cui manca una parte del viso - lo stesso che Celia le aveva detto di cercare. All'interno del campanile, vede Yeva che osserva alcuni dei Paladini feriti che sono stati lasciati indietro. Yeva chiede a Morgana di aiutarli a passare pacificamente nonostante chi siano.
Pym porta Nimue da Dof, che è a terra, gravemente ferito. Nimue gli prende la mano e si concentra, cercando di guarirlo. Le viti appaiono e scompaiono sul suo viso - non è abbastanza forte per guarirlo. È al di là del suo aiuto. Gli altri predoni ringraziano Nimue per averci provato, segnalando che sono dalla sua parte.
Morgana esce brevemente dalla stanza con i paladini morenti per lavarsi le mani. Un suono inquietante proviene da dietro di lei quando la vedova entra, pronta a portarli via. Si china su uno dei Paladini e finalmente vediamo il suo viso: è un teschio insanguinato, la mascella serrata e i denti mancanti. La vedova si avvicina a Morgana, senza il velo, e la guarda attentamente prima di succhiare la vita dai Paladini.
La regina reggente costringe Uther e molte delle loro guardie a incontrarsi con Carden per concludere un accordo con i Paladini per la protezione. I due gruppi hanno un problema comune, sottolinea Carden, mentre tira fuori una minuscola bambola simile a un vudù che sembra assomigliare a Nimue, il simbolo della Strega Sangue di Lupo. La figlia di Cumbers gli riporta una bambola identica, avvertendolo di quello che è successo a Gramaire, ma si scopre che il pagamento di Merlino per la levatrice sta mantenendo in vita Nimue.
Nimue si avvicina allo zio di Arthur con una richiesta coraggiosa: dato che ha preso Gramaire per sei giorni, lui è al suo posto. Dire che Ector non la prende bene è un eufemismo. Dice che non ha nulla contro i suoi simili, ma che erano più al sicuro nella loro casa precedente. 'Goditi il ​​tuo breve regno', le sputa mentre se ne va.
Arthur e Kaze riassumono Nimue: mancano circa una dozzina di Fey. Scoiattolo vuole seguirlo a caccia, ma Nimue lo lascerà andare solo se Gawain lo consente. Gli altri partono, lasciando Arthur da solo con Nimue. Si avvicina ad Arthur ma crolla mentre scende le scale, visibilmente non a posto. Arthur è preoccupato per lei; pensa che la spada la stia facendo ammalare. Vuole portare le famiglie sulle navi poiché tutti ora sanno che i Fey sono a Gramaire, ma Nimue non è d'accordo. I due litigano. 'È il titolo che ti infastidisce o il fatto che io sono salito al trono e tu no?' chiede scherzosamente. Si precipita fuori.
Merlino e la vedova si incontrano nel bosco. 'È stato dato un nome', dice. Merlino chiede chi. La vedova si volta e si toglie il velo, rivelando Nimue. Merlino è inorridito. La Vedova gli ricorda che non può rifiutare una convocazione, proprio come il destino di Nimue è ora fissato - e non le resta molto tempo.
Merlin si dirige a Cumber, chiedendo di tenere Nimue al sicuro. Gli unici piani di Cumber sono di tenerla nelle sue segrete a causa della spada. Non è minacciato da Nimue, ma è furioso che i suoi seguaci le rispondano come la Regina Fey, non lui come re.
Nel bosco, Gawain trova i Fey scomparsi: sono stati tutti uccisi. Il Monaco piangente arriva da dietro e sfida Gawain. I due affrontano un feroce combattimento con la spada. Il Monaco cade a terra, la sua mano si trasforma nelle foglie su cui poggia. Uno scioccato Gawain chiede: 'Come hai potuto?' mentre il Monaco coglie l'attimo per pugnalarlo allo stomaco. L'unico motivo per cui non ha ucciso Gawain è perché è ricercato vivo. Scoiattolo osserva l'intero confronto da dietro un albero.
Nimue sta riflettendo sulla sua spada mentre Arthur entra. È turbata: sente le urla nella spada e crede che siano i paladini che ha ucciso. Ciò che la spaventa di più, tuttavia, è che le urla la confortano. I due discutono mentre Arthur spinge di nuovo le navi mentre un ostinato Nimue vuole continuare a combattere. Mentre parla si anima e punta la spada contro Arthur. Chiede se è Nimue a parlare o la spada. Lo mette giù e si scusa con lui, infine ammettendo ciò che sapevamo tutti: non si sente se stessa. Un uomo entra nella stanza in quel momento per informarli che non ci sono navi. Scarta la stoffa che ha in mano, solo per rivelare la testa del contrabbandiere. Dopotutto, sembra che siano bloccati a Gramiare.
Kaze ritorna, ferito, e informa tutti quelli che Gawain è stato catturato mentre si avvicinano gli eserciti delle guardie di Pendragon e dei Paladini Rossi.
Domande scottanti: Nimue si sta trasformando in un Merlino più giovane, o se ne andrà? Chi ha sequestrato le navi? Quando morirà Nimue?

Episodio 9, 'Veleni'

Foto: per gentile concessione di Netflix. Merlino è a cavallo, che percorre una strada deserta il più velocemente possibile. Il cavallo entra in un boschetto di alberi, dove una colomba bianca vola via. Merlino viene immediatamente colpito al petto con un arco, volando via dall'animale e cadendo a terra. Il pescatore gli si avvicina cantando la sua canzone. 'Portaci della buona birra / Per i peccati della nostra benedetta signora.' Il pescatore afferra la sua rete e vi carica Merlin mentre ansima, ancora vivo. Giura di nutrire Merlino con il pesce per vendetta per aver trasformato suo padre in un mostro. Mentre il pescatore gioca con la rete, Merlino si siede, afferra la prua dal petto e la sbatte contro la testa del pescatore. I due si contorcono e si gomitano a terra mentre Merlino cerca di strangolarlo con la rete, pugnalando infine l'arco avvelenato nel cuore del pescatore.
A Gramaire, un cavaliere informa Nimue che stanno per finire di nuovo il cibo. Ci sono stati alcuni scontri tra i Fey e la gente del posto, ma Arthur è preoccupato che possa diventare brutto una volta che sono a corto di cibo. Scoiattolo, nel frattempo, non è stato trovato. I due condividono un momento tenero mentre Nimue si incolpa per averli intrappolati a Gramaire.
Uther ha deciso di condurre un assedio contro Gramaire. Divertita, la regina reggente gli dice che è una cattiva idea. La chiesa è stata quella che ha perso Gramaire, quindi dovrebbero essere loro a lottare per questo - ed è già stato deciso.
L'abate Wicklow della Trinità è arrivato per visitare Carden. I due hanno una conversazione tesa, poiché Carden ha cercato di nascondere la debacle di Gramaire a Sua Santità e Roma. Si scopre che Abbott ha già scoperto: 'gli uomini parlano'. La visita è essenzialmente un avvertimento a non sbagliare di nuovo, ei suoi uomini terranno d'occhio i Paladini.
Tornato a Gramaire, Morgana ha una visione diversa della spada rispetto ad Arthur. Vuole che Nimue si appoggi alla spada e al suo potere, diventi il ​​mostro che teme si trasformerà in. Iris è seduta in una stanza e batte la testa, definendosi una codarda. Dietro di lei sul muro ci sono dozzine di croci disegnate in quello che sembra essere sangue. Vuole uccidere Nimue ma è frustrata perché non ha ancora compiuto l'azione e si brucia il braccio in punizione.
Merlino entra in Gramaire e fa visita a Nimue sul suo trono. Lei lo presenta ad Arthur e Pym come suo padre, ma Pym soffoca istericamente su una mandorla, non credendoci all'inizio. Merlin spiega l'accordo che ha negoziato con Cumber per mantenere in vita Nimue in cambio della spada. Nimue vuole combattere, ma combattere è morire, dice Merlin. Nimue è preoccupato per la sopravvivenza dei Fey, ma Merlino crede che, poiché i predoni sono vicini ai Fey, possano far cambiare idea a Cumber insieme. Arthur ricorda a Nimue che se continua a farlo, Nimue diventerà la merce di scambio di Cumber.
Il Monaco piangente torna a Carden con Gawain legato alla schiena del cavallo, a malapena vivo. Abbott trova Gawain affascinante, dal momento che quasi passa per umano. Carden minaccia Gawain, volendo saperne di più su Nimue. Gawain dice a Carden che conosce molti segreti mentre lancia uno sguardo significativo al Monaco piangente. Questi due hanno una sorta di retroscena?
Uther ha esaminato la testa della regina reggente e ha avuto una conversazione con Carden. Uther si offrì di guidare l'assedio di Gramaire se i Paladini avessero preso Nimue e la maggior parte dei territori occupati mentre lui conservava la spada. La regina reggente è furiosa, credendo che Uther sia un pessimo negoziatore. Beve un sorso di vino ma inizia a tossire sangue e crolla a terra. Uther continua a parlare come se nulla fosse successo, dicendo che ha assunto qualcuno per esaminare i dettagli della sua nascita. Ha trovato un singolo record che descriveva in dettaglio come la sua vera madre, Sylvia, morì dopo aver bevuto una tazza di vino speziato. 'Ora sono per sempre tuo figlio,' le dice prima di singhiozzare mentre muore.
Uther manda Borley (Jasper Jacob) a Gramaire per negoziare con Nimue. I suoi termini sono quasi identici a quelli di Cumber: Nimue può vivere nelle sue segrete a condizione che lasci la spada. Nimue vuole sapere dove andrà il Fey ma Borley non ha una risposta per lei. Sottolinea che il re vichingo le ha fatto un'offerta di protezione e lo esorta a dire a Uther di essere un re per tutti, uomini e Fey allo stesso modo.
Gawain è tenuto in una tenda da Paladino. Un paradin cieco con le palpebre apparentemente bruciate tiene in mano un marchio rovente, minacciandolo. Quando lo vediamo di nuovo, è legato a una sedia, insanguinato e con il marchio di Michael sul petto. Il Monaco piangente entra nella tenda. 'Non aver paura, Ash Man', gli dice Gawain. Gli occhi del monaco sono il segno del Popolo delle ceneri, che non è stato in queste terre per secoli. Il Monaco piangente è curioso del motivo per cui Gawain non lo ha eliminato come un Fey. 'Tutti i Fey sono fratelli, anche quelli perduti', spiega. Il Monaco dice a Gawain che la sofferenza lo purificherà, ma Gawain crede che ci sia una parte del Monaco che crede che le parole dei Paladini siano bugie. Il Monaco non riesce a capire la differenza tra gentilezza e odio, dice Gawain. 'La tua gente ha bisogno di te', supplica. Il Monaco dice che pregherà per lui mentre se ne va.
Merlino osserva le sue ferite in uno specchio. Ha un buco nel petto dove la freccia avvelenata lo ha colpito. Nimue entra e si chiude le vesti per nascondere la ferita. Nimue è sconvolta e piange per un precedente incidente in cui ha punito un Fey tagliandogli entrambe le mani con una spada. 'È così che ci si sente?' gli chiede. 'Sì,' risponde Merlino.
Spiega che Uther ha inviato un messaggero, ma ha paura di rinunciare alla spada. Se lo fa, finirà la sofferenza? 'Vorrei saperlo,' risponde Merlino. Fornisce una dura verità: l'Età degli Uomini è su di loro e non possono salvare i Fey. La esorta a considerare la proposta di Cumber.
Iris si avvicina a Pym mentre attraversa la piazza di Gramaire. Offre servizi di pulizia per Pym poiché vive nel castello con cibo a pagamento. Pym rifiuta, ma Iris continua, chiedendo comunque di essere portata nel castello. Pym è immediatamente sospettoso di lei. Iris abbassa la guardia, scoprendo che Pym è un Fey. 'Non sei umana,' le sputa Iris mentre si allontana.
Scoiattolo si fa strada nella tenda dove i Paladini tengono Gawain. È inorridito nel vedere il ragazzo che lo chiama Percival. (Secondo la leggenda, Percival è uno dei cavalieri della tavola rotonda di Re Artù.) ​​Gawain esorta Scoiattolo / Percival ad andarsene, ma il ragazzo rifiuta e cerca di tagliargli le cravatte finché il cieco Paladino non entra nella tenda e afferra il ragazzo.
Carden, il monaco piangente e Abbott vanno alle tende Pendragon, dove Uther sta banchettando all'aperto. Hanno sentito che la gente di Uther aveva comunicato con Nimue, ma l'accordo era che la chiesa avrebbe coordinato qualsiasi comunicazione. Abbott propone uno scambio: prendono la spada mentre i Pendragons prendono Nimue - bruciarla avrebbe lo stesso effetto demoralizzante per i Fey, dice. Uther rifiuta questa idea, credendo che bruciarla avrebbe suscitato ulteriormente la folla. Vuole tenerla come premio finché la gente non si sarà sistemata.
Carden torna al suo accampamento mentre il cieco Paladino porta Percival da Carden, spiegandogli di averlo sorpreso mentre cercava di liberare Gawain. Carden ordina al paladino di punirlo, ma il monaco piangente non è d'accordo e fa notare che è solo un ragazzo, nessuna minaccia per loro. Carden schiaffeggia il Monaco per averlo messo in imbarazzo.
Arthur entra nella stanza dove è seduta Nimue, piangendo per una lettera. Uther ha offerto navi per i Fey in cambio della sua resa. Ha già accettato, ma Arthur si rifiuta di lasciarla andare. Crede che il Fey sarà al sicuro nelle mani di Arthur. I due si abbracciano e iniziano a collegarsi seriamente per la prima volta durante l'intero viaggio (almeno quello che abbiamo visto, è ora, ragazzi!).
Al campo dei paladini, Carden riceve una proposta inaspettata dalla figlia di Cumber: aiuteranno i paladini a uccidere Nimue.
Domande scottanti: Chi era il Monaco piangente nella sua vita passata? Gawain sopravviverà e sfuggirà alle grinfie del paladino? Cosa significa il suo nuovo nome per Squirrel? Uther è sincero nella sua promessa di proteggere i Fey?

Episodio 10, 'Sacrifice'

Qualcuno con un cappuccio scuro che copre il viso entra in una stanza piena di armi per raccogliere arco e frecce. Spargono olio su un Fauno morto per terra e lo bruciano. Sembra quasi il Monaco piangente finché la persona non si volta: è Iris.
Nimue e Arthur si svegliano insieme a letto. Le tocca teneramente il viso prima di diventare imbarazzato, chiedendole se 'andava bene'. (Abbi un po 'di fiducia, Arthur!) Nimue gli dice che era diverso, ma è ancora nervoso. 'È stato fantastico', gli dice.
I due vengono portati dal Fauno morto. Cora, uno degli altri Fauni, pensa che sia Wroth e il suo voto di sangue, mentre un cavaliere li informa che Wroth ha rivendicato una strada chiave e minacciato di uccidere qualsiasi Fey che accetti l'offerta di Pendragon. Arthur insiste che i Fey saliranno sulle navi oggi e che andrà a trovare Wroth. Iris, nel frattempo, tira fuori un altro ignaro Fey con un piccone: qualcuno sta diventando un piccolo assassino.
Nimue incontra Merlino. Vuole convincerla a cambiare idea, ma si sta stringendo il petto e non riesce a stare in piedi, visibilmente malato. Le mente, sostenendo che è una febbre, ma Nimue la vede bene. Ha paura che la sua presenza metta in pericolo il suo accordo con Uther. Merlino vede un'altra opzione: se riescono a saziare la sete di vendetta di Uther - e dargli Merlino - potrebbero essere in grado di fargli cambiare idea. Nimue rifiuta, non vuole che nessun altro venga ferito a causa sua. I due condividono un momento cupo mentre Merlino le dice: 'Conoscermi è conoscere te stesso'.
Arthur fa visita a Wroth per esortarlo a smettere di sfidare Nimue e dire alla sua gente di collaborare. I Tusks non sono d'accordo con Arthur - 'Il sangue paga il sangue', dice Wroth. Arthur cerca di chiamare il loro bluff in un estremamente modo rischioso, alzando le braccia e offrendo il proprio sangue. Uno dei Tusks va a tagliargli le braccia ma Wroth lo chiama all'ultimo minuto. 'Uno sciocco coraggioso è ancora uno sciocco', dice ad Arthur mentre si allontana, un mordace insulto.
Morgana entra nella camera di Nimue e si avvicina alla spada, ma vede il riflesso della vedova in uno specchio. La vedova sa che Morgana è stata toccata dai Cailleach e ha dato a Morgana una 'vista innaturale'. La vedova si offre di aiutare Morgana, ma solo se lei dice la verità. Morgana ammette di aver visto la faccia della Vedova prima di chiedersi perché si trova nella camera di Nimue. La vedova la avverte di non interferire o vedrà di nuovo la sua faccia.
Nimue entra subito dopo la partenza della vedova ed è preoccupata per lo stato di Morgana. Morgana dice che se ne va, che non si adatta. Morgana vuole ancora combattere per i Fey, comunque. Nimue la porta alla porta di una cantina nascosta e le porge la spada in modo che possa fuggire in sicurezza.
Arthur trova quindi Nimue da sola in una taverna vuota, con un'aria esausta. È felice di dirle che le zanne andranno con loro. Si siede accanto a Nimue e la implora di lasciarlo restare. Con le lacrime agli occhi, gli chiede di promettere di combattere per loro. Gli racconta di come il giorno in cui si sono incontrati aveva perso la sua nave. 'Sapevo che eri un po 'insidioso', dice. 'Non mi importava.'
Arthur alza la posta. 'Ho perso il fiato quando ti ho visto', dice, poi inizia a cantare per lei. Nimue sembra apprezzare il canto, però, mentre si baciano.
Al campo di Carden, il Monaco piangente è inginocchiato in una tenda, con il cappuccio rimosso per la prima volta. La sua schiena è una rete di cicatrici e ferite profonde da una frusta (o anche più fruste) e c'è un punto calvo sulla sommità della sua testa proprio come gli altri Paladini, la cicatrice della croce al centro. Il Monaco piangente ammette di aver cercato di raggiungere Dio, ma non può - è solo oscurità. 'La bestia non lacera la carne, lacera l'anima', dice Carden (ah, è sul Monaco!). Il monaco chiede a Carden se lo ama. Carden lo guarda per un lungo minuto prima di dire che lo fa. Carden gli dice che ha aiutato il Monaco ma non può salvarlo dalle fiamme: il Monaco deve avere la volontà. Tremando, il monaco dice di sì.
Nimue e Pym si abbracciano mentre si salutano a Gramaire. Pym ha il cuore spezzato e sconvolto dal fatto che Nimue se ne vada proprio mentre si sono riuniti. Alcuni Fey augurano ogni bene a Nimue finché non raggiunge Arthur. Si baciano prima che lui salga a cavallo e si allontani insieme a Wroth.
Merlino si presenta all'accampamento di Uther, volendo sapere se il re sta mentendo a Nimue. Uther pensa che Merlino sia ubriaco, ma poi Merlino cade a terra, afferrandolo al petto. (Non ha davvero fatto controllare quella ferita?) Allontana la mano per rivelare il sangue. 'Immagino che il mio vino si sia rovesciato', dice a Uther. (Apparentemente non si è nemmeno preso la briga di bendarlo. Uther vuole sapere chi ha fatto del male a Merlino. Dice che non era 'nessuno', solo un pescatore e che 'è stato catturato con l'amo sbagliato'. (Questo è ... un modo per dirlo.)
Merlin cambia argomento e chiede a Uther come sta sua madre. 'Morto', dice con un sorrisetto. Dice a Uther che è orgoglioso di lui perché la levatrice era un crimine di sua madre, non suo. Uther può ancora guadagnarsi la strada per essere riconosciuto con l'unico vero re, ponendo fine agli affari con la spada oggi. Uther è furioso che Merlino abbia sempre saputo della levatrice. Le sue guardie pugnalano Merlin più volte, apparentemente uccidendolo. Portano Merlino in un'altra tenda e gettano il suo corpo senza vita su una pila di sacchi.
Arthur, Wroth e il Fey si avvicinano alla costa, dove vedono le navi in ​​lontananza. Tutti iniziano a tifare, entusiasti di essere salvati. Nimue, nel frattempo, è seduta nel suo castello. Può percepire che qualcuno è lì: è Iris, che è riuscita a trovare la sua strada ed è in agguato nell'ombra. Un cavaliere interrompe con un messaggio da un corvo da Arthur informandola che le navi Pendragon sono arrivate. Nimue sale sul suo cavallo e esce da Gramaire.
Morgana si fa strada nel bosco con la spada. Si ferma e tira fuori la spada dal fodero mentre il fantasma di Celia appare dietro di lei. Celia ammette che il destino di Morgana l'ha spaventata. Morgana dice che sente di non essere pronta. Celia è d'accordo, definendola un 'uccello stupido' - Morgana ha appena iniziato il suo viaggio. Celia le dice di portare la spada al tempio dei Cailleach in modo che possa salvare i Fey. Morgana rifiuta, dicendo che Nimue si fidava di lei per tenerlo. 'Qui è dove finisce il viaggio di Nimue', dice Celia, informando Morgana la Vedova che la segue. Inorridita, Morgana indietreggia, volendo avvertire Nimue. Celia le dice che la vedova non è di questo mondo.
Nimue arriva al campo di Uther senza la spada. Uther è furioso che lei non ce l'abbia per lui. Carden appare, dicendo che prende in giro la gentilezza di Uther e che i suoi paladini possono discuterne la posizione della spada. Abbott ha una proposta: dai ai paladini Nimue e avranno la spada entro il tramonto. Uther le chiede chiaramente dove sia la spada. Nimue ha un'offerta, tuttavia: gli darà la spada quando Gawain e Squirrel le saranno restituiti, vivi. Carden rifiuta, dicendo che sono prigionieri e non pronti per il commercio. Uther è intrappolato tra i due, poiché Carden è fermo mentre Nimue insiste che il re non vedrà la spada a meno che non vengano restituiti. Uther la fa portare via dalle sue guardie mentre considera le richieste.
Morgana si avvicina al campo proprio mentre la vedova la ferma sui suoi passi. 'Non ti avevo avvertito?' lei chiede.
Alle barche sulla Beggar’s Coast, le cose non stanno andando troppo bene. (Qualcuno si aspettava davvero che se ne andassero sani e salvi?) I predoni, l'esercito di Cumber, scagliano frecce contro il Fey dalla cima delle scogliere. I Fey attraversano la riva, ma altri predoni corrono giù, le asce pronte per un massacro. Le due parti combattono ferocemente mentre un gruppo che include Pym si precipita in una grotta. Cumber, nel frattempo, è seduto di nuovo nella sua tenda mentre viene informato che il convoglio è stato fermato perché ha mantenuto la sua promessa ai Paladini. Tornati a riva, arrivano altre navi e Pym le riconosce immediatamente: la Lancia Rossa. Wroth è gravemente ferito in battaglia e dà ad Arthur il suo ultimo desiderio di proteggere gli altri.
La figlia di Cumber si avvicina a Carden, avendo sentito che Nimue è arrivata senza la spada. Carden le assicura che le scopriranno la posizione, ma lei sembra scettica. Carden si allontana e chiede ai suoi paladini di prendere Nimue dalle grinfie di Uther.
La Lancia Rossa e i suoi predoni si uniscono alla battaglia dalla parte dei Fey, furiosi. Arthur e un predone due volte il suo fianco sono in una feroce battaglia, ma Arthur alla fine lo abbatte, colpendogli un po 'la testa pure intensamente. La Lancia Rossa, nel frattempo, riesce a uccidere una delle figlie di Cumber con l'aiuto di una freccia di Arthur.
Scoiattolo sta schernendo il cieco Paladino, dicendogli che va bene ucciderlo perché 'sarai ancora te stesso per sempre'. Il paladino non è turbato dalle sue parole, pronto a prendere prima la sua lingua. Tuttavia, vengono interrotti dal Monaco piangente. Il Monaco piangente taglia la testa al paladino - sembra che qualcuno abbia cambiato idea.
Nella sua tenda, le guardie di Uther la portano Gawain, ma è coperto di ferite e cicatrici, senza vita. Piangendo sul suo corpo, Nimue gli posa le mani sul petto e inizia a concentrarsi. Le vene verdi strisciano lungo i lati del suo viso mentre un'onda d'urto si fa strada attraverso il campo, provocando incendi. Nimue crolla al fianco di Gawain.
Il Monaco piangente ha liberato Scoiattolo e sta cercando di portarlo via dall'accampamento, ma Abbott e la Guardia della Trinità li fermano: ha capito cos'è il Monaco piangente. Di nuovo nella tenda, diversi paladini portano via il corpo esausto di Nimue mentre un pezzo di erba cresce intorno a Gawain e lui sprofonda nel terreno. Il Monaco piangente, nel frattempo, affronta da solo la guardia della Trinità mentre Abbott osserva. Il Monaco parte forte, uccidendone alcuni, ma più avvicinandosi, facendo cadere la spada dalle sue mani e colpendolo con forza brutale. Scoiattolo spunta da dietro le ombre con una spada tutta sua, chiedendo: 'Chi è il primo?' Il Monaco prende un secondo vento e uccide la Guardia della Trinità. Abbott scappa mentre un debole Monaco crolla a terra. Scoiattolo riesce a portare il monaco a cavallo e lasciano il campo.
I Paladini portano Nimue da Carden, che ora è sveglio e furioso. A questo punto Carden non si preoccupa della spada - vuole solo rimandarla 'all'Inferno'. Mentre cerca di abbassare la spada su di lei, il vento sibila e una forza lo ferma. La vedova si avvicina e porge a Nimue la sua spada, che brilla di un'arancione ardente e sibila, prima di voltarsi verso Carden. 'Tu chi sei?' lui chiede. Si toglie il velo per rivelare il viso di Morgana, ma si sbriciola nel cranio della vedova. Il suo spirito attraversa Carden mentre Nimue va in città su di lui, tagliandogli la testa e poi le mani in una scena sanguinosa degna di un film di Quentin Tarantino.
I paladini e i cavalieri iniziano a litigare mentre Nimue corre tra le tende, trovando Morgana. Morgana non ha idea di cosa le sia successo: ha ucciso la vedova e poi è diventata la vedova. Sa quando le persone stanno per morire e Merlino è il prossimo. I due si precipitano alla tenda di Merlino e lo prendono. 'Perché non posso morire?' chiede esausto.
Arthur e la Lancia Rossa si trovano sulla costa. Lo ringrazia per averla aiutata a uccidere la figlia di Cumber e dice che gli deve un debito. C'è un brivido di tensione tra di loro mentre dice di considerarlo anche. Alla fine spiega chi è: la Lancia Rossa, esiliata alla corte di Cumber, ora sotto assedio da parte dei traditori. (Non c'è da stupirsi che volesse uccidere sua figlia.) Arthur dice che faranno di tutto per aiutare la loro gente se lei aiuta a salvare Nimue.
Nimue e Morgana portano Merlino su una scogliera per riposare. Nimue ordina a Morgana di vegliare su Merlino mentre torna a prendere Squirrel ma hanno un ospite inaspettato: Iris. (Sul serio, come ha fatto a rintracciarli?) Iris spara a Nimue con due frecce, facendola crollare a terra e far cadere la spada. Lei cade dallo stretto ponte di roccia su cui si trovano, una mano che ne afferra il lato. Merlino salta su per salvarla dalla caduta nella cascata, ma è troppo debole per tenere la sua mano nella sua presa. Nimue cade in acqua e Merlino piange. Iris la guarda, cercando di nascondere un sorriso mentre Morgana la fissa piangendo.
Iris raccoglie di nuovo l'arco e la freccia mentre Merlin si avvicina alla spada e ne afferra il manico, attingendo energia da essa per alzarsi in piedi. Comincia a piovere mentre Merlin guadagna la sua forza e i suoi occhi sono pieni di elettricità blu. Iris finalmente ha abbastanza buonsenso da abbandonare arco e freccia e scappare. Un flusso di Paladini Rossi attraversa il ponte ma Merlino li ferma uno per uno, uccidendoli senza sforzo con la spada, vendicando la morte di sua figlia. Iris, nel frattempo, va a nascondersi in un angolo buio delle scogliere ma i fulmini continuano a colpirla intorno, cercando di colpirla.
Merlino, nel frattempo, è diventato un tipo di creatura completamente diverso. Ha attirato una sorta di elettricità dal cielo a lui usando la spada ed è in grado di proiettarla semplicemente alzando la mano - non c'è bisogno della spada a questo punto. Un gruppo di Paladini cerca di attaccarlo, ma lui alza semplicemente il palmo e li fulmina tutti, come se fossimo in un film degli Avengers. Si rivolge a Morgana, che è stata dietro di lui per tutto il tempo, e gli offre la mano. Lei lo afferra mentre agita la spada sopra le loro teste, usando l'elettricità per teletrasportarli da qualche parte.
Lo scoiattolo e il monaco piangente stanno ancora cavalcando. Lo scoiattolo sembra esausto mentre il Monaco si accascia su di lui, apparentemente in forma migliore. Chiede a Scoiattolo qual è il suo nome ma si rifiuta di accettarlo, chiedendo quale nome gli è stato dato. 'Non mi piace quel nome,' dice Squirrel indignato.
'È ancora il tuo nome', gli ricorda il Monaco piangente.
'Bene, è Percival', dice. 'Hai un vero nome?' chiede al Monaco.
'Lancillotto', risponde. 'Molto tempo fa il mio nome era Lancillotto.' Aspetta cosa?! (Per coloro che non riescono a ricordare, Lancillotto è tradizionalmente considerato il più grande compagno di Re Artù.È il figlio orfano di Re Ban, è stato allevato dalla Signora del Lago e diventa il più grande spadaccino fino a quando una relazione con la Regina Ginevra scatena una guerra civile e la fine del regno di Arthur. C'è, uh, molto da disfare qui.)
Sembra che ci troviamo in una chiesa, dove Sua Santità è seduto su un trono, circondato dalla Guardia della Trinità e da Abbott in piedi proprio alla sua sinistra. C'è una piccola figura incappucciata inginocchiata ai piedi di Sua Santità. Spiega che questa misteriosa persona verrà aggiunta ai ranghi della Trinità per colpire Nimue, 'un nuovo guerriero di Dio'. Iris si alza e lui le posa una maschera d'oro. Cammina lungo il corridoio mentre vediamo le immagini di Nimue nell'acqua, le frecce ancora la trafiggono mentre l'acqua diventa rossa.
Domande scottanti: Oh, da dove iniziamo? Nimue è ancora viva? Il Monaco piangente ha finalmente deciso di tornare a essere Lancillotto e aiuterà i Fey? Arthur ha idea di cosa sia successo a Nimue? Chi andranno dopo Iris e la Guardia della Trinità?