Hillary Clinton - Attacco a Bengasi, morta a Bengasi — 2021

Foto: STR / AFP / Getty Images. Un veicolo e gli edifici circostanti bruciano dopo essere stati incendiati all'interno del complesso del consolato degli Stati Uniti a Bengasi, in Libia, l'11 settembre 2012. 'Penso che sia abbastanza chiaro che sia ora di andare avanti', ha detto martedì il presunto candidato democratico Hillary Clinton, riferendosi all'ultimo e ultimo rapporto che descrive in dettaglio quello che è successo durante l'attacco terroristico del 2012 a Bengasi, in Libia, in cui sono stati uccisi quattro americani. Ma nonostante il fatto che il rapporto sia l'indagine finale del Congresso sull'incidente, sembra improbabile che alcuni, incluso il presunto candidato repubblicano Donald Trump, andranno avanti. Un nuovo annuncio della campagna Trump pubblicato mercoledì - e pagato dalla National Rifle Association - riporta Bengasi alla ribalta. L'annuncio, che secondo quanto riferito costava $ 2 milioni, secondo All'International Business Times, presenta il sopravvissuto di Bengasi e membro dell'NRA Mark 'Oz' Geist che esorta gli elettori a scegliere Trump. Bengasi è stata sui titoli dei giornali da quando l'assalto mortale ha avuto luogo quasi quattro anni fa. Sono state sollevate domande sull'allora Segretario di Stato Hillary Clinton e sulla conoscenza del Dipartimento di Stato della situazione della sicurezza in Libia, e su come veniva gestita la sicurezza del personale statunitense. L'ambasciatore Christopher Stevens era tra i quattro americani che hanno perso la vita nell'attacco. Tutto sommato, ci sono stato altri otto Indagini di Bengasi. Il finale Rapporto del comitato ristretto della Camera a guida repubblicana sul rapporto di Bengasi , che pesava più di 800 pagine (rispetto al Rapporto della Commissione 11 settembre, che era un 567 più sottile), includeva nuovi dettagli sull'attacco in Libia, ma non ha ulteriormente colto o trovato prove di responsabilità da parte di Clinton.Annuncio pubblicitario'

Dobbiamo a quei coraggiosi americani assicurarsi di imparare le lezioni giuste da questa tragedia.

Hillary Clinton, presunta candidata democratica 'Martedì, Clinton ha fatto eco a ciò che aveva detto in precedenza nell'autunno del 2015 durante la sua testimonianza di 11 ore di maratona per il comitato:' Nessuno ha pensato di più o perso più sonno per le vite che abbiamo perso, i quattro americani, il che è stato devastante ”. Il presunto candidato democratico ha aggiunto: 'Dobbiamo a quei coraggiosi americani assicurarsi di imparare le giuste lezioni da questa tragedia'. 'Non c'è nessuna pistola fumante nel rapporto del Congresso di Bengasi', ha detto a Janedarin via e-mail Bill Schneider, analista politico e professore in visita presso l'UCLA. “Tuttavia, penso che l'indagine sia stata dannosa per la campagna di Hillary Clinton perché sostiene l'impressione che sia sempre sotto inchiesta per qualcosa. Potrebbe non essere colpevole, ma la maggior parte degli elettori non la considera affidabile '. Allora, cosa è successo l'11 settembre 2012 e come si collega alle elezioni generali del 2016? Ecco cosa ti serve sapere.Foto: Foto di Bill Clark / CQ Roll Call. Il 23 gennaio 2013 il Segretario di Stato Hillary Clinton testimonia durante l'udienza della Commissione per le relazioni estere del Senato sull'attacco a Bengasi. Cos'è successo l'11 settembre 2012?
La sera di martedì 11 settembre 2012, il consolato degli Stati Uniti nella città libica orientale di Bengasi ha riferito di essere stato attaccato. Bengasi era all'epoca la roccaforte delle forze che avevano combattuto contro il leader autoritario di lunga data della Libia, Muammar Gheddafi. Nelle ore successive militanti armati ha preso di mira la missione diplomatica degli Stati Uniti , gli edifici furono dati alle fiamme e furono lanciati colpi di mortaio contro un vicino annesso della CIA. L'ambasciatore Stevens, l'ufficiale di gestione delle informazioni Sean Smith e gli appaltatori della sicurezza della CIA Tyrone Woods e Glen Doherty sono rimasti uccisi nell'attacco. Stevens è stato il primo ambasciatore a morire in carica in più di due decenni. Nel frattempo, nel vicino Egitto, ci sono state proteste presso l'ambasciata americana al Cairo in risposta a un video anti-islamico di fabbricazione americana. Inizialmente, molti rapporti , compresi quelli di Washington, hanno collegato erroneamente anche l'attacco in Libia al film.Annuncio pubblicitario'

Ogni rapporto che ho letto che lo menziona specificamente ha una tendenza politica, una tendenza accusatoria.

dr. Ann Stevens, sorella dell'ambasciatore chris stevens ' Qual è la controversia?
Cinque giorni dopo, mentre parlava ai talk show televisivi della domenica, Susan Rice, allora statunitense. ambasciatore presso le Nazioni Unite, ha ribadito l'affermazione che l'attacco al consolato è iniziato come una 'reazione spontanea' al video anti-islamico. 'Le persone si sono radunate fuori dall'ambasciata e poi è diventato molto violento, e quelli con legami estremisti si sono uniti alla mischia e sono venuti con armi pesanti, che purtroppo sono abbastanza comuni nella Libia post-rivoluzionaria e che poi sono andate fuori controllo,' Rice ha detto a Fox News Domenica, 16 settembre 2012. Le critiche al ritratto della Rice della violenza di Bengasi, il suo fallimento nel collegare gli attacchi al terrorismo, o nel vederli come premeditati, hanno indotto i repubblicani ad accusare la Rice e altri membri dell'amministrazione Obama di non essere sinceri con gli americani pubblico. Questo è stato l'inizio delle critiche sul fatto che potesse esserci una 'copertura'. Immediatamente i legislatori ha iniziato a indagare le morti a Bengasi. I repubblicani hanno citato 'un chiaro modello di minacce alla sicurezza' prima degli attacchi dell'11 settembre 2012, che secondo loro 'poteva essere interpretato ragionevolmente solo per giustificare una maggiore sicurezza' per gli americani. Il comitato ristretto della Camera su Bengasi, incaricato dall'ex presidente della Camera John Boehner , indagato 75.000 pagine di documenti e intervistate 107 persone, di cui nove avevano assistito agli attacchi. '

Non c'è nessuna pistola fumante nel rapporto del Congresso di Bengasi. Tuttavia, penso che l'indagine sia stata dannosa per la campagna di Hillary Clinton perché sostiene l'impressione che sia sempre sotto inchiesta per qualcosa.

Bill Schneider, analista politico ' Cosa c'è di nuovo nell'ultimo rapporto?
Anche se Clinton non è direttamente incolpato, la Camera rapporto ha detto che lei e il sottosegretario di Stato Patrick Kennedy avrebbero dovuto essere consapevoli dei rischi in Libia. `` L'intelligence su cui Kennedy e il segretario erano stati informati quotidianamente era chiara e puntata: al-Qaeda, gruppi simili ad al-Qaeda e altri estremisti regionali si rifugiarono nel vuoto di sicurezza creato dal governo libico e dalla sua incapacità di prendere il comando di la situazione della sicurezza ', si legge nel rapporto. Il comitato, guidato dal rappresentante repubblicano Trey Gowdy, ha anche citato i fallimenti del Dipartimento della Difesa, del Dipartimento di Stato e della CIA, concludendo che 'nessuna delle forze militari competenti ha rispettato i tempi di dispiegamento richiesti'. Prima che i risultati repubblicani venissero rilasciati, Democratici pubblicare il proprio rapporto, dicendo che erano impegnati a smascherare 'molte teorie del complotto sugli attacchi'. Gli autori democratici del rapporto hanno contestato la tempistica del rapporto del GOP, affermando che doveva essere politicamente dannoso per Clinton. 'Tutto ciò che riguarda l'indagine del Congresso è stato di parte', ha detto il professor Schneider. “La partigianeria è inevitabile in un anno elettorale quando l'oggetto dell'indagine coinvolge un candidato alla presidenza. Ma i Clinton sono stati a lungo figure altamente polarizzanti. La famiglia dell'ambasciatore Stevens afferma di non incolpare Clinton e ha convenuto che la sua morte era stata politicizzata. `` Ogni rapporto che ho letto che lo menziona ha un'inclinazione politica, un'inclinazione accusatoria '', ha detto sua sorella Anne Stevens Il New Yorker . 'Sarebbe molto più utile per il Congresso concentrarsi sulla fornitura di risorse per la sicurezza di tutte le strutture del Dipartimento di Stato in tutto il mondo - per aumentare il personale, le capacità linguistiche, per aumentare il personale per costruire relazioni, in particolare in Nord Africa e Medio Oriente,' Stevens aggiunto.
Annuncio pubblicitario'

L'obiettivo principale di questo Comitato è politicizzare la morte di quattro coraggiosi americani per cercare di attaccare l'amministrazione Obama e danneggiare la campagna di Hillary Clinton.

Brian Fallon, portavoce di Clinton ' La reazione di Hillary Clinton
Clinton ha accettato la responsabilità poco dopo gli attacchi mortali in Libia, dicendo alla CNN nel 2012, 'sono responsabile delle oltre 60.000 persone del Dipartimento di Stato in tutto il mondo, 275 posti'. Ha aggiunto che voleva evitare il 'gioco della colpa'. Ma questo non ha messo fine a quasi quattro anni di dito puntato su Capitol Hill, con il campo di Clinton che descrive l'ultimo rapporto guidato dai repubblicani come una 'farsa partigiana'. 'Dopo più di due anni e più di 7 milioni di dollari di fondi dei contribuenti, il rapporto della commissione non ha trovato nulla che contraddica le conclusioni delle molteplici e precedenti indagini', Brian Fallon , ha detto in una nota un portavoce di Clinton. 'Questo rapporto conferma solo ciò che il leader della maggioranza Kevin McCarthy e persino uno degli ex membri dello staff di Trey Gowdy hanno ammesso mesi fa: l'obiettivo principale di questo comitato è politicizzare la morte di quattro coraggiosi americani per cercare di attaccare l'amministrazione Obama e danneggiare la campagna di Hillary Clinton . ' '

Bengasi è solo un altro fallimento di Hillary Clinton. Non sembra mai funzionare come dovrebbe con Clinton.

donald trump, presunto candidato repubblicano ' Le elezioni generali del 2016
Così quello che ora? Mentre Clinton ha tirato avanti Trump nel ultimi sondaggi , la tempistica di questo rapporto di Bengasi non ha aiutato. Trump è intervenuto, ovviamente, twittando 'Bengasi è solo un altro fallimento di Hillary Clinton. Non sembra mai funzionare come dovrebbe con Clinton. Ma 'abbastanza docile' era come Politico ha caratterizzato i punti di discussione della campagna di Trump, che includevano: `` Questo rapporto è un'ulteriore prova che Clinton non ha la capacità di mantenere gli americani al sicuro, ha continuamente mentito su ciò che ha causato l'attacco, ha deviato le domande sull'incidente e ha scelto ignorare quello che è successo a Bengasi, piuttosto che assumersi la responsabilità e imparare dai propri errori. In definitiva, Schneider non pensa che Bengasi sarà la più grande sfida di Clinton in questo ciclo elettorale. 'L'immagine del candidato presidenziale democratico come inaffidabile è un problema, ma ha un problema più grande per il 2016. È la candidata dello status quo', ha detto Schneider a Janedarin. 'Non è impossibile per Trump vincere, ma ci vorrebbe un evento straordinario, come un clamoroso attacco terroristico o una recessione, che potrebbe accadere come conseguenza della Brexit. Tutto ciò che induce gli elettori a dire: 'Non possiamo andare avanti così'.